Stop al parco eolico a Galatina

Amministrazione comunale diffidata

Le associazioni ambientaliste frenano la realizzazione di un parco eolico in contrada Latronica a Galatina. Il sito non sarebbe idoneo e l’iter non avrebbe seguito la legge

“Prima di assumere qualunque decisione in merito alla realizzazione di un parco eolico, l’amministrazione comunale chieda pareri tecnici precisi”. Parlano Marcello Seclì, coordinatore provinciale di Italia Nostra, e Luigi Mangia, responsabile del comitato “Bacino dell’Asso” in merito alla possibilità di realizzare un parco eolico in contrada Latronica a Galatina. “Si faccia chiarezza sui progetti presentati”, dicono i responsabili delle associazioni in un documento di quattro pagine fatto pervenire all’amministrazione della città, in cui si evidenziano anomalie e incongruenze rispetto all’installazione degli impianti eolici: l’area individuata sarebbe inidonea ad ospitarli e l’iter seguito sarebbe in alcuni punti illegittimo, in virtù di alcuni vizi procedurali sull’applicazione del regolamento regionale. Insomma, l’amministrazione viene diffidata a porre in essere “tutti gli strumenti partecipativi imposti dalla legge e richiesti dal caso specifico allo scopo – si legge nel documento – di evitare l’approvazione di progetti che stravolgano l’assetto del territorio in assenza di una opportuna consultazione del tessuto socio-economico locale”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!