Mucillagine. Venga l’inverno

Si spera nella fine del periodo di crisi

I pescatori di Gallipoli tornano a sperare. Il maltempo potrebbe spazzare via il fango che ha bloccato l’economia della città. Si torna in mare col naso all’insù

Una volta tanto il maltempo potrebbe non essere un problema. Anzi, per i pescatori di Gallipoli, potrebbe rappresentare addirittura una fortuna. Da ieri, infatti, le temperature basse, il vento forte e le acque del mare non più calme, hanno fatto ben sperare i tanti che, nella città ionica, vivono di pesca. Come ha comunicato Giacomo Salerno, comandante della Capitaneria di Porto gallipolina, infatti, il movimento delle onde e le correnti che l’hanno generato potrebbero spazzare via la mucillagine che ormai è una piaga per l’economia della città e per le sorti di tante famiglie che hanno nel mare l’unica fonte di sostentamento. Quindi, per una volta, ben venga la pioggia. Ben vengano, anzi, i temporali e il vento forte e ben venga l’inverno con le sue temperature fredde, proprio oggi che è il primo giorno di primavera. Intanto, ieri, alcune barche sono uscite al largo. Il risultato della giornata di pesca non è stato diverso da quello dei giorni scorsi: ancora reti piene di fango. “Ma potrebbe essere ancora presto – dice Giorgio Cataldini, biologo -; non bisogna disperare. Se le condizioni climatiche resteranno queste per un po’, probabilmente potremmo dire addio a questo brutto periodo di crisi”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!