Lupiae. Parla Salvemini

Preoccupazione per il ritardo dei pagamenti

Dopo le proteste di ieri da parte dei lavoratori presso la Lupiae servizi, società mista del Comune di Lecce, Carlo Salvemini, consigliere comunale Ds, interviene nuovamente sulla questione: “C’è chi fa finta di non vedere i problemi”

“L’agitazione dei lavoratori della Lupiae, che per il terzo mese consecutivo vedono non rispettata la data di pagamento degli stipendi, è l’ultimo tassello di una situazione di crisi aziendale che da tempo si va componendo sotto gli occhi della città”. Così Carlo Salvemini, consigliere Ds al Comune di Lecce, interviene sulle vicende che vedono protagonista la società mista del Comune. “Tutti sono e si dicono preoccupati – continua -: il personale della Lupiae in primis, e poi le organizzazioni sindacali. Ciò significa che a distanza di anni, e di offese e attacchi subiti, si ha la conferma che tutte le questioni poste dal centrosinistra si sono rivelate fondate, oggettive, documentate. Ed oggi si pagano, inevitabilmente, gli errori commessi”. Che, secondo Salvemini, sono: “perdite d’esercizio, distruzione del capitale sociale, crisi finanziaria, personale in agitazione e a rischio licenziamento. Eppure – aggiunge il consigliere di opposizione – c’è chi fa finta di a e irresponsabilmente si dichiara tranquillo. Si nasconde un debito fuori bilancio di circa due milioni di euro, si decide di ignorare che il presidente Rizzo si dovrà dimettere perché ha già annunciato la sua candidatura come consigliere comunale, si tace sul fatto che anche il bilancio 2006 chiuderà in rosso nonostante nuovi piani di impresa e nuove strapagate convenzioni”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!