Allarme meningite. Altri due casi

Cresce il ti more tra la popolazione

Secondo l’Asl non si sarebbe alcuna possibilità di epidemia. Dopo il ragazzo di Nardò ricoverato a Lecce per presunta meningite, altri due casi si sono verificati ieri. I due pazienti si trovano nel reparto Malattie infettive dell’ospedale di Galatina

Dopo il ricovero presso il reparto di Malattie infettive dell’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce di uno studente del liceo scientifico di Nardò, con una diagnosi di sospetta meningite, altri due casi si sono verificati nella giornata di ieri. Ad essere colpiti dall’infezione sarebbero due pazienti, un uomo e una donna, rispettivamente di 50 e 60 anni. Quest’ultima ha presentato sintomi di otite media purulenta. I due si trovano ricoverati presso l’ospedale di Galatina, nel reparto di malattie infettive, dove sono stati spostati dopo una breve permanenze presso il “San Giuseppe” di Copertino. La Asl tranquillizza sostenendo che si tratta di due casi sporadici e non legati da contagio. I due pazienti provengono infatti da due paesi differenti. Non si tratterebbe, inoltre, secondo l’Asl, di forme epidemiche che possono colpire i soggetti giovani che vivono in collettività. Insomma, la situazione sarebbe sotto controllo.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!