“Il mare di Gallipoli è patrimonio del mondo”

La proposta del primo cittadino di Gallipoli

Scongiurato il pericolo di scarico nel canale dei Samari di Gallipoli delle acque provenienti dal depuratore di Casarano-Matino-Parabita, Vincenzo Barba ha annunciato il suo impegno affinché le acque di Gallipoli diventino patrimonio dell’umanità

Si dice “lieto delle notizie che giungono dalla Provincia di Lecce e dalla conferenza di servizi in riferimento ai vincoli che sono stati posti per l’attivazione del depuratore di Casarano” Vincenzo Barba, sindaco di Gallipoli, e, tuttavia, “agitato per la collettività perché grande è stato il rischio che il nostro mare potesse essere inquinato dalle acque reflue provenienti dall’entroterra”. Il rischio scongiurato per il Comune di Gallipoli è stato quello di vedersi scaricare nel canale dei Samari le acque di scarico provenienti dal depuratore che serve i Comuni di Casarano, Matino, Parabita. “Non abbiamo mai dubitato che chi ha a cuore il bene del nostro territorio avrebbe preso le decisioni che effettivamente sono state prese – continua Barba -. In ogni caso, mi chiedo come si possa soltanto pensare di poter danneggiare le acque di Gallipoli, che non sono un bene esclusivo dei cittadini di Gallipoli ma dei cittadini di tutto il mondo e non è possibile immaginare che su una simile ricchezza possa pendere una spada di Damocle così grave e così pericolosa”. Barba ha così promesso di attivarsi in ogni sede ed in ogni luogo per mettere in pratica tutte le procedure necessarie a rendere il mare gallipolino un patrimonio dell’umanità da salvaguardare e promuovere. “Spero che tutti gli altri miei colleghi sindaci facciano altrettanto con i loro specchi d’acqua – continua il primo cittadino della città ionica – che sono la nostra risorsa ambientale più importante e generosa. Invito tutti a sostenere questa battaglia che non è soltanto una battaglia culturale, ma è anche una battaglia di carattere economico visti i danni che subiscono i nostri mari, un’azione sconsiderata della quale i nostri pescatori e tutti gli addetti al settore sono vittime assolute”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!