Poli: “Manteniamo i minori in famiglia”

La proposta di Adriana Poli Bortone contro le violenze sui minori

“Evitiamo di allontanare i minori dalle mura domestiche, prevedendo un sussidio diretto alle famiglie e un tutore che monitori la situazione dei minori nelle famiglie destinatarie dell’assegno”. Adriana Poli Bortone ne discute in Parlamento europeo

In quanto deputata del Gruppo Uen al Parlamento europeo, Adriana Poli Bortone ha presentato una proposta di risoluzione con la quale invita la Commissione europea ad impegnare gli Stati membri ad esperire tutte le possibilità di mantenere i minori in famiglia nei casi di violenza domestica che ne determinino l’allontanamento ed il ricovero in case-famiglia. La proposta punta alla previsione di un sussidio diretto alle famiglie (pari al costo delle rette da pagare per ogni minore in una struttura vocata al ricovero) per un “tutore dei minori” che monitori costantemente e relazioni periodicamente sulla situazione dei minori nelle famiglie destinatarie dell’assegno. “Purtroppo molte situazioni di disagio economico – evidenzia Poli Bortone – sono all’origine di episodi di violenza tra le mura domestiche. Questi episodi sono alla base dei provvedimenti di allontanamento dei minori dalla famiglia d’appartenenza ed il ricovero in case-famiglia o in strutture peraltro non sempre idonee all’accoglienza adeguata. Insomma – spiega – c’è un costo sociale ed uno strettamente economico. Credo che si possa intervenire in questo senso prevedendo una assistenza concreta in termini economici. Ma l’esigenza fondamentale – conclude – è quella di evitare lo sradicamento del minore dalle mura domestiche”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!