Prenotazioni: tutto da rifare al Fazzi

Si rompe l’apparecchio e saltano tutte le prenotazioni

A causa della rottura dell’apparecchio del reparto di Cardiologia dell’ospedale Vito Fazzi di Lecce, una signora malata di cuore è stata protagonista di una lunga odissea: andata e ritorno dall’ospedale senza nessun beneficio

“Ci dispiace, l’apparecchio è rotto”. Nel reparto di Cardiologia dell’ospedale Vito Fazzi di Lecce Maria Paternello, salvata a 68 anni con un’operazione urgente dopo un infarto la notte del 28 gennaio 2005, è stata vittima dell’apparecchio chiamato cicloergometro. La data della visita era stata fissata per il 16 gennaio 2007, ma a causa del guasto l’appuntamento era stato rimandato al 2 marzo. Qui però l’amara sorpresa. La signora, arrivata in ospedale, non risultava nella lista delle prenotazioni e nonostante le richieste e le suppliche di Salvatore Giannuzzi, marito di Maria, che faceva presente al personale del disagio che gli era stato procurato dallo stesso ospedale e dell’urgenza della visita a cui la moglie si doveva sottoporre, non c’è stato niente da fare. La signora Paternello è stata costretta a riprenotarsi. Oltre il danno, la beffa.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!