Lecce per il sociale

Tempo fino al 2 aprile per presentare le domande

Assegno di cura e di prima dote. Il Comune di Lecce punta ai Servizi sociali. Promuovendo la domiciliarità e sostenendo le famiglie nella scelta di accogliere una nuova vita. Tutte le informazioni per presentare le domande si possono richiedere presso il settore Servizi sociali del Comune

E’ fissato alle ore 12 di lunedì 2 aprile il termine ultimo per presentare le domande per l’assegno di cura. Lo ha reso noto l’Osservatorio socio-sanitario del Comune di Lecce, attivo presso l’Assessorato alla Sanità. L’assegno di cura è il contributo economico erogabile dai Comuni alle famiglie che si impegnano ad assistere a casa, affrontandone anche i costi, persone non autosufficienti che altrimenti dovrebbero affidarsi a strutture di ricovero. L’obiettivo di questa forma di assistenza è dunque quello di promuovere la domiciliarità e ridurre il ricorso ai ricoveri in strutture residenziali. L’ammontare dell’assegno è variabile ed è generalmente correlato al reddito ed al bisogno della persona non autosufficiente e della famiglia. Informazioni sulle modalità di accesso, sui destinatari, sui criteri di valutazione e attribuzione del punteggio possono essere richiesti al settore Servizi Sociali (tel. 0832 311839). Presso lo stesso settore Servizi Sociali sono a disposizione, inoltre, i modelli previsti per la domanda di attribuzione dell’assegno mensile denominato “prima dote” a famiglie con minori di età compresa tra 0 e 36 mesi. Anche in questo caso, il termine ultimo per presentare le domande è fissato alle ore 12 del 2 aprile. Questo contributo servirà a sostenere le famiglie che hanno assunto la scelta di accogliere una nuova vita e concorrere a rimuovere i possibili ostacoli, anche di natura economica, connessi alla presenza di un minore molto piccolo in famiglia. Tutte le informazioni necessarie possono essere richieste al settore Servizi Sociali (tel. 0832 311839).

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!