Sigilli al Biarritz

Controlli per l’incolumità dei giovani della notte

Troppa gente nel locale. E i carabinieri lo chiudono. E’ accaduto sabato notte, nel corso di controllo più diffusi nei locali notturni. Al Biarritz di Gallipoli, a fronte di una presenza consentita di 150 persone, se ne contavano 280. I carabinieri hanno fatto spegnere la musica. Ed ora il Comune potrebbe decidere per una sospensione più lunga dell’attività

Sono scattati i sigilli per il “Biarrizt” di Gallipoli, nella notte di sabato, a seguito di controlli da parte dei carabinieri. Motivo del provvedimento, l’eccessiva presenza di gente. A fronte delle 150 previste in base ad autorizzazioni comunali, ce ne sarebbero state circa 280. Decisamente troppe per garantire l’incolumità di tutti. Secondo i militari, infatti, le persone erano talmente tante da rendere difficile la possibilità di muoversi liberamente. Di qui i sigilli, che hanno spento immediatamente la musica e chiuso il disco-pub. Successivamente, i carabinieri hanno informato dell’accaduto il Comune che nei prossimi giorni potrebbe decidere per una sospensione dell’attività anche più prolungata. Nel corso dell’intera operazione di controllo, che ha impegnato dieci pattuglie, sono stati ispezionati 14 esercizi pubblici e identificate 275 persone; ma non è tutto, perchè i militari hanno inoltre controllato 105 mezzi, elevato 20 contravvenzioni e ritirato quattro documenti di circolazione.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!