“Anche Nardò nel nome del parco”

Continuano le discussioni sul futuro del parco

“Nardò si erga per una volta a Comune leader dell’area ionico-salentina”. Lo ha affermato Giuseppe Spenga, capogruppo di An, secondo il quale un passo in questa direzione può essere l’inserimento del Comune di Nardò nella denominazione del parco naturale

Sarà pure una questione secondaria rispetto agli alti valori della tutela ambientale e della valorizzazione del territorio, ma a Nardò ci tengono davvero. E in particolare ci tiene Alleanza nazionale, guidata da Giuseppe Spenga, che sentenzia: “Nardò ha il sacrosanto diritto di vedersi riconosciuta nella denominazione dell’area marina protetta”. Il problema è dunque tutto formale. Perché non affiancare, nella denominazione dell’area protetta, accanto a quello di Porto Cesareo anche il nome di Nardò? Soprattutto ora che il perimetro del parco sarà esteso fino a Portoselvaggio. Secondo Spenga infatti non guasterebbe “rivendicare un po’ di sano orgoglio in questa città, una volta tanto. Nardò deve decidere – continua – prima che come al solito lo facciano altri al suo posto, se continuare ad essere succursale in provincia di Lecce oppure ergersi orgogliosamente a Comune leader dell’arco ionico-salentino”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!