Farmacia di Melissano. Al Tar decidere chi la gestirà

La difficile costituzione della società mista blocca la nascita della farmacia

Il Comune cerca un soggetto privato da inserire nella società mista a responsabilità limitata che gestirà la farmacia comunale. La graduatoria ha scelto Emanuele Vergari. Ma una pioggia di ricorsi ha bloccato tutto. Deciderà il Tar il prossimo 28 marzo

Se ne riparlerà presso il Tar il prossimo 28 marzo. E intanto le polemiche non si placano. Anzi, aumentano i ricorsi al Tribunale amministrativo di Lecce. Motivo del contendere la procedura di selezione di un socio privato di minoranza nella costituenda società mista a responsabilità limitata che dovrà gestire il servizio di farmacia comunale a Melissano. La graduatoria ha già premiato Emanuele Vergari di Nociglia che però non dorme sonni tranquilli. A sollevare la questione è la farmacista Maria Grazia Conte, di Melissano, che si aggiunge alle colleghe già ricorrenti Flavia Marzano di Racale e Paola Stasi di Galatina. Nel ricorso redatto dai legali di Conte si sostiene che il Comune di Melissano avrebbe affidato la presidenza della commissione giudicatrice a soggetto estraneo all’amministrazione, ovvero la farmacista Rosalba Palese di Taurisano, mentre l’ordinamento degli enti locali prevede che tale incarico sia affidato ad un dirigente o funzionario comunale. Inoltre, il Comune sarebbe colpevole di aver nominato tale commissione prima della scadenza dei termini per la presentazione delle domande in violazione al Codice degli appalti. Emanuele Vergari, il farmacista premiato dalla graduatoria, ha contestato a sua volta il Comune, che avrebbe dovuto escludere dalla gara le ricorrenti in quanto le offerte da queste presentate non sarebbero in linea con le prescrizioni contenute nel bando.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!