Dis-pari opportunità

La condizione delle donne salentine nell’anno europeo delle pari opportunità

Più di una donna su dieci lascia il lavoro con la nascita di un figlio. Il 40 per cento delle donne che non lavora, lo fa per prendersi cura dei figli. A tutto questo si aggiunga la discriminazione sul piano retributivo: gli uomini continuano a percepire un salario più alto delle donne, a parità di ruolo

di Ada Martella I numeri parlano chiaro, più di tante parole. Numeri che stridono ancor più ora che la Comunità Europea ha deciso di indire il 2007 come anno delle Pari Opportunità, fissando al 60% il tetto da raggiungere per l’occupazione femminile. In Italia la percentuale di donne che lavorano è poco più del 45%, in Puglia supera di poco il 30% e in Salento la percentuale si abbassa al 30%. I dati numerici, poi, diventano scoraggianti lì dove si cerca di capire quante delle donne occupate lo sono in posti dirigenziali: appena il 10% e quasi tutto dislocato al Nord, in Lombardia, sebbene le top manager provengano da tutt’Italia. Per capirci meglio: solo una donna su cinque è manager, appena 12 su cento hanno ruoli top executive, ossia verticistici. Sono, dunque, pochissime le numero uno nelle grandi imprese, ancor meno le donne che hanno responsabilità governative. “E’ assai significativo che le nuove Ministre del governo Prodi siano state chiamate a compiti che più richiamano il tradizionale ruolo di “cura”: famiglia, giovani, sanità e naturalmente pari opportunità. Ministeri che sono quasi tutti “senza portafoglio” (5 su 6), quindi con minore riconoscimento, minore possibilità di incidere sui problemi e sulle politiche di sviluppo”, spiega Serenella Molendini, Consigliera delle Pari Opportunità della Provincia di Lecce. Perché, se è vero che l’Italia, e ancor più il Sud, si trovano a dover lavorare assai per raggiungere entro il 2010 la percentuale fissata dalla Comunità Europea, lo sforzo diventa immane quando si tratta di sfondare il cosiddetto tetto di cristallo. Un soffitto di vetro, quell’invisibile barriera che tiene le donne lontane dai vertici organizzativi, che spesso è il risultato di sottili meccanismi di discriminazione e contemporanei processi di autoesclusione.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!