Provincia-Inps d’accordo sulle assunzioni dei disoccupati

Un protocollo d’intesa in tre punti

Agevolazioni per l’assunzione di disoccupati (legge 407/90). E’ stato siglato ieri un accordo tra Provincia di Lecce ed Inps che prevede come requisito obbligatorio l’iscrizione ai centri per l’impiego per almeno 24 mesi

Niente più autocertificazioni: occorre essere iscritti come disoccupati al Centro per l’impiego competente da almeno 24 mesi affinché le aziende possano usufruire delle agevolazioni contributive per l’assunzione di disoccupati in base alle legge 407/90. E’ questo l’effetto immediato del protocollo d’intesa siglato dalla Provincia di Lecce – Servizio Politiche del Lavoro e Centri per l’Impiego (rappresentata dalla responsabile Adriana Margiotta) e dall’Inps – Direzioni provinciali di Lecce (direttore Vittorio Liguori) e di Casarano (direttore subprovinciale Giorgio Primiceri), con il quale si sono concordate le modalità di controllo e successiva autorizzazione dell’agevolazione contributiva. Provincia ed Inps, a seguito dei diversi incontri che hanno portato alla stesura del protocollo, hanno trovato un accordo sui seguenti punti: – il Centro per l’Impiego è il soggetto competente ad accertare la sussistenza del requisito soggettivo (in capo al lavoratore) e del requisito oggettivo (in capo all’azienda); – le aziende richiedono l’applicazione dell’agevolazione contributiva attraverso la presentazione del nuovo modello Inpro (disponibili presso il Centro per l’Impiego o scaricabile dal sito www.pugliaimpiego.it), concordato tra le parti, che sostituisce il precedente modello C/ASS/AG; – il Centro per l’Impiego autorizza l’azienda (se sussistono questi elementi) alla fruizione dei benefici tramite la firma del modello Inpro. La richiesta di concessione dei benefici può ricevere accoglimento o essere respinta solo dal Centro per l’Impiego e non più dall’Inps, come accadeva precedentemente. Il Protocollo di intesa vincola sia i Centri per l’impiego che tutte le sedi Inps della provincia di Lecce. Per ogni ulteriore informazione gli interessati possono visitare il sito www.pugliaimpiego.it.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!