In bici a Lecce e dintorni

Le due piste collegheranno l’una Lecce archeologica al Parco di Rauccio, l’altra i Comuni di Lecce, San Donato, San Pietro in Lama, Lequile e San Cesario

Due percorsi cicloturistici saranno presto realizzati nel territorio agrario di Lecce e dei Comuni vicini. I lavori sono già stati appaltati nell’ambito dei fondi Pis “Barocco leccese”. Adriana Poli Bortone, sindaca di Lecce: “Sono soddisfatta del risultato ma Rotundo smetta di far passare per sue idee che non lo sono”

I lavori di realizzazione di due percorsi cicloturistici nel territorio agrario leccese e dei Comuni limitrofi sono stati appaltati nell’ambito dei fondi del Pis 11 “Barocco leccese”. Il primo itinerario (per un importo di 350mila euro) riguarda la pista ciclabile di collegamento Lecce archeologica – Parco di Rauccio; il secondo itinerario (costo 680mila euro) la pista ciclabile nella Cupa (tra i Comuni di Lecce, San Donato, San Pietro in Lama, Lequile e San Cesario). I due percorsi utilizzano strade rurali e sentieri sterrati attraverso la campagna in un sistema integrato che prefigura la realizzazione di un Parco reticolare dell’entroterra rurale che si estende da Rudiae a Cerrate fino ad Acaia. Inoltre, mettono in relazione le emergenze ambientali e naturalistiche del territorio con il paesaggio antropizzato caratterizzato da masserie fortificate, muri a secco e trulli. La realizzazione dei due percorsi cicloturistici rientra nell’ambito dell’attuazione dello Studio di fattibilità per la valorizzazione e lo sviluppo sostenibile del territorio rurale comunale denominato “I giardini di Lecce, paesaggi del barocco rurale”, un documento approvato dalla giunta comunale di Lecce nel febbraio 2006 e valido come atto di indirizzo per tutte le attività di pianificazione, programmazione e progettazione dell’amministrazione comunale quali Pug, Pis 11, Piano strategico, ecc. “Questi due percorsi cicloturistici – ha commentato Adriana Poli Bortone, sindaca di Lecce – sono il fiore all’occhiello delle nostre politiche sulla mobilità alternativa e sulle attività per lo svago ed il tempo libero. Disporre di questa sorta di patrimonio rappresentato da un entroterra così caratteristico e da un clima particolarmente favorevole rafforza notevolmente la possibilità di realizzare piste di questo tipo. Noi – ha continuato la prima cittadina leccese – abbiamo le idee molto chiare in proposito ed evidentemente siamo pronti a realizzarle, peccato scoprire ancora una volta che il candidato sindaco Rotundo saccheggi letteralmente la progettualità altrui presentando come proprie ed inedite proposte che sono già in cantiere. I suoi ‘percorsi della salute’ sono un'altra fotocopia di quanto noi abbiamo già progettato e messo a punto. Davvero – ha concluso – pensa ancora di prendere in giro i cittadini leccesi con questa strategia della macchina fotocopiatrice”?

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!