Anche Porto Cesareo alla Bit

Amministratori e operatori hanno esposto la propria proposta ricettiva

Un stand tutto per il Comune di Porto Cesareo, proprio al centro del Padiglione della Puglia. Così Porto Cesareo ha voluto essere alla Borsa del turismo di Milano. Con qualche sacrificio economico, ha dichiarato Gabriella Greco, assesora comunale, ma con la convinzione di dare una mano alla crescita della città

C’era anche il Comune di Porto Cesareo alla Bit (Borsa internazionale del Turismo) di Milano. L’amministrazione comunale, di concerto con gli operatori turistici cesarini, ha pianificato progettato e quindi proposto al mercato internazionale del turismo la sua proposta ricettiva: un mix ideale di mare, sole, divertimento, natura, ambiente e relax, quali ingredienti per la vacanza a misura di famiglie e giovani. “Si tratta di un’importante partecipazione – ha spiegato Gabriella Greco, l’assessora che ha coordinato i lavori con gli operatori – alla quale questa amministrazione non ha voluto rinunciare, pur facendo qualche sacrificio in termini di spesa. Abbiamo ritenuto unanimemente di partecipare alla Bit perché tutti gli amministratori sono fortemente consapevoli di quale sia la capacità mediatica e pubblicitaria che un simile evento può procurare all’immagine del paese. Siamo altresì consapevoli – ha continuato – che il potenziale turista che partecipa alla Bit di Milano, vuole vedere scorrere come in una vetrina tutti i più bei posti del mondo, e tra i questi non potevano di certo mancare il nostro mare, la nostra acqua cristallina ed incontaminata e le nostre spiagge. Per questo, in piena sinergia con gli operatori turistici locali, e con l’area marina protetta di Porto Cesareo, abbiamo voluto allestire uno stand tutto nostro al centro del vasto padiglione della Regione Puglia. Nel lavoro di impulso a questa iniziativa – ha concluso Greco- è stato importante scoprire che di fronte alla necessità di mettere in risalto il nostro patrimonio culturale, naturale e ambientale, tutte le forze politiche, economiche e istituzionali si siano incontrate tra loro per ottenere il massimo dei risultati. Questo a nostro avviso vuol dire far crescere la nostra comunità e di questo ringraziamo di cuore tutti i cesarini”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!