Miami Vice

Un maestro del cinema contemporaneo. Un film bellissimo da una serie TV cult. Da non perdere assolutamente!

I detective Ricardo Tubbs e Sonny Crockett, lavorando sotto copertura (si fingono abili corrieri), vogliono incastrare Montoya, un narcotrafficante. Sonny però si innamora, ricambiato, della bella e spietata Isabella, moglie del trafficante. Miami Vice apparentemente si inserisce nel filone dei film tratti da serie televisive anni 80, così sfruttato da una Hollywood priva di idee. Quello che distingue Miami Vice da altri analoghi “remake” è che Miami Vice è bellissimo. Fin dall'avvio è evidente la “diversità”. Miami Vice non ha un inizio. Ci ritroviamo già durante, quasi fossimo entrati in sala a film iniziato, nessun titolo di testa, subito in azione, dentro una discoteca. È un cinema di personaggi e di corpi quello di Mann, e di ritmo, veloce e preciso come un metronomo. Michael Mann conosce perfettamente la serie anni ottanta. Decide però di evitare il facile vintage, richiamandone l'estetica e i colori. Invece mette in scena un film attuale e quindi cupo, dominato da colori scuri e ipereali. Blu, nero, grigio. E Miami, città di frontiera (il miglior mojito lo si va a bere all'Avana, in pochi minuti di motoscafo off-shore), è una vera città noir e dark, molto lontana dall'assolata e modaiola città che conosciamo dai film e telefilm (CSI: Miami tra tutti). In definitiva un film grandissimo, compatto e robusto, di respiro classico. Venato da una palpabile dolenza, è un film dove gli stilemi dell'action-movie vengono contemporaneamente rispettati e traditi, ci sono (anche esasperati), ma non pesano, il ritmo non è semplicemente frenetico, ma gestito con una maestria rara, tra dilatazioni e accellerate. Scorre fino alla fine con l'abituale potenza e senza artifici.

[Miami Vice (Germania / USA 2006) Regia Michael Mann con Luis Tosar, Justin Theroux, Ciaran Hinds, Naomie Harris, Gong Li, Jamie Foxx, Colin Farrell]

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!