“Una buona partenza”

La soddisfazione di Dario Stefàno per le modifiche al testo di legge sui Consorzi di bonifica

Così come è stato licenziato, il testo del disegno di legge sui Consorzi di bonifica appare profondamente modificato rispetto a quello approvato dalla giunta, grazie ai contributi che la IV Commissione, presieduta da Dario Stefàno, ha saputo accogliere

“Come presidente esprimo grande soddisfazione per l’importante lavoro svolto dalla Commissione Sviluppo economico sul disegno di legge di riforma dei Consorzi di bonifica. Soddisfazione ancor più forte per aver saputo svolgere un lavoro attento e puntuale di ascolto di tutti gli attori coinvolti, consolidando una prassi che è divenuta caratteristica principale della IV Commissione, e di recepimento di molte delle indicazioni pervenute. Indicazioni che hanno consentito di migliorare il testo di legge allo scopo di renderlo più aderente alle aspettative del mondo agricolo, del partenariato istituzionale e della comunità pugliese. Il testo che abbiamo licenziato è infatti profondamente modificato rispetto a quello approvato dalla giunta, proprio perché la Commissione è stata in grado di accogliere tutti i contributi utili ad avviare la fase di riforma e soprattutto in grado di apportare reali elementi di innovazione ad un sistema che sino ad oggi ha scontentato gran parte degli utenti e mostrato evidenti carenze di natura organizzativa e strutturale che hanno provocato un quadro di esposizione finanziaria di dimensioni preoccupanti. Al di là delle polemiche, dunque, credo che l’intero Consiglio regionale, pur nelle legittime diversità di opinioni, potrà confrontarsi su un testo di legge che potrà essere ulteriormente migliorato ma che rappresenta già una buona base di partenza”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!