Confindustria comunica

L’importanza della comunicazione strategica per le imprese

La creazione della Sezione Comunicazione di Confindustria Lecce è un segnale che l’associazione degli industriale anticipa i cambiamenti e riserva grande attenzione all’economia territoriale. Ne è sicuro Giovanni Lagioia, presidente della neonata sezione

L’indagine condotta dall’Osservatorio Banche Imprese nel 2005, relativa alla provincia di Lecce, ha evidenziato una notevole crescita del PIL dovuta ai servizi ad alto valore aggiunto e, soprattutto, ha spiegato come il settore della comunicazione abbia goduto di una crescita forte e più accentuata rispetto non solo alle aziende della Regione Puglia, ma anche del Mezzogiorno d’Italia. Consequenziale è stata perciò, l’intuizione di Confindustria Lecce che, attenta a monitorare i processi di sviluppo del territorio, ha creato al proprio interno la Sezione Comunicazione, che già vanta una quarantina di aziende iscritte e che, al suo annuncio sui media, ha riscosso notevoli consensi pubblici e privati. “La creazione della Sezione Comunicazione – spiega Giovanni Lagioia presidente della sezione – vuole dare il segnale che Confindustria anticipa i cambiamenti e riserva grandissima attenzione all’evoluzione dell’economia territoriale. Le nostre aziende – continua – non possono immaginare di crescere, svilupparsi, ma, soprattutto, consolidarsi, individuando esclusivamente la ‘domanda di comunicazione’ del territorio salentino”. “Si sta lavorando – aggiunge Stefano Petrucci, vicepresidente della Sezione Comunicazione – alla stesura di un programma articolato che punti da un lato, all’aggregazione delle imprese e dall’altro, alla definizione di eventi che contribuiscano a dare visibilità nazionale al settore e a sviluppare la capacità programmatica e progettuale delle imprese”. E’ necessario, pertanto – sottolinea il direttore generale di Confindustria Lecce, Antonio Corvino – seguire l’evoluzione di un processo del quale non si possono immaginare gli sviluppi. La comunicazione può evolvere verso un duplice destino; può diventare, facendo una similitudine, un fenomeno tipico della ‘germinazione della fungaia’, quindi, essere destinata ad una rapida crescita, ma anche ad una altrettanto rapida fine; diversamente, le imprese della comunicazione possono diventare arbusti, alberi, destinati a popolare una foresta”. Confindustria Lecce agirà, pertanto, favorendo i processi di aggregazione delle imprese, di allargamento dei mercati e di attrazione dei grandi eventi sul territorio: “Solo aggregandosi, le imprese – spiega Piero Montanari, presidente di Confindustria Lecce – possono costituire una massa critica capace di attrezzarsi per fronteggiare le diverse esigenze del mercato; mediante l’aggregazione, è possibile diventare protagonisti del mercato globale, a partire dai mercati più vicini a noi ed ancora inesplorati”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!