“Miglioriamo la qualità della vita”

Incontro di Perrone con i ragionieri commercialisti

Continuano gli incontri di Paolo Perrone, candidato sindaco di Lecce per il centrodestra, con gli Ordini professionali. Ieri è stata la volta dei ragionieri commercialisti. Obiettivo: ascoltare le esigenze del territorio per costruire un programma, e poi un’azione di governo, che diano risposte concrete

Sostegno alle imprese esistenti e grande attenzione ai giovani leccesi di talento, che dall’amministrazione comunale devono ricevere aiuto per far camminare le proprie idee. Paolo Perrone, candidato sindaco di Lecce per il centrodestra, ha incontrato ieri pomeriggio il consiglio e il presidente dell’Ordine dei ragionieri commercialisti, nella sede di via Cesare Battisti 46. Obiettivo, un ascolto puntuale delle istanze del territorio, delle esigenze della società civile, delle aspettative delle categorie professionali, “in una fase storica in cui l’esistenza stessa degli Ordini viene messa in dubbio da politiche governative di pseudoliberalizzazione che noi contestiamo con decisione – spiega -. Perché, se il governo Prodi considera gli imprenditori tutti evasori ed inquinatori, per noi le cose stanno in maniera assai diversa. Vivendo in una realtà dove il tessuto industriale non è particolarmente forte e l’agricoltura è stata pressoché abbandonata dagli operatori – continua Perrone – l’amministrazione comunale ha deciso di puntare, in questi nove anni di governo della città, sulla riqualificazione del nostro patrimonio storico, culturale e architettonico. Grazie all’intercettazione dei finanziamenti europei abbiamo reso Lecce seconda solo alle mete storiche tradizionali”. A rendere la città attraente per gli operatori economici e i visitatori non è stato solo il lavoro del Comune, “ma anche la professionalità degli operatori commerciali e turistici che hanno completato l’offerta complessiva della città: vedi le imprese nate con Urban e la Misura 5.1”. Ciò che resta da fare, adesso, è colmare il divario che separa Lecce da altre città in materia di qualità della vita. Un gap superabile, secondo il candidato sindaco, anche grazie al sostegno alle imprese: “Dobbiamo continuare sulla strada già intrapresa del sostegno al talento dei giovani leccesi, in tutti i campi”. Una ricetta praticabile anche grazie ad un piano di confronti sistematici tra amministrazione comunale e categorie professionali: un auspicio che in Giovanni De Giorni, presidente dell’Ordine dei ragionieri commercialisti, ha trovato interlocutore attento.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!