“Troviamo una soluzione contro gli abusi sui minori”

L’intervento di Loredana Capone sul tragico caso di Chiesanuova

Loredana Capone, vicepresidente della Provincia di Lecce ed assessora provinciale alle Politiche sociali, invita Vincenzo Barba, sindaco di Gallipoli, a riunire il Coordinamento del Piano di zona

Convocare con la massima urgenza il Coordinamento istituzionale del Piano di zona, per definire una strategia comune ed assumere azioni coordinate ed integrate nel territorio dell’Ambito. E’ l’invito che Loredana Capone, vicepresidente della Provincia di Lecce e assessora alle Politiche sociali, ha rivolto oggi a Vincenzo Barba, sindaco di Gallipoli, nella veste di coordinatore dell’ambito territoriale del Piano sociale di Zona dei Comuni di Racale, Sannicola Alezio, Melissano, Taviano, Alliste. “Il caso del bimbo di Chiesanuova, vittima di violenze e sevizie disumane, suscita profonda angoscia, commozione e preoccupazione – scrive Loredana Capone nella lettera inviata al primo cittadino di Gallipoli – e ci invita tutti ad un impegno quanto più forte e corale possibile, affinché episodi analoghi non debbano più accadere o possano protrarsi nel tempo”. Profondamente colpita e scossa dalla storia del piccolo che vive nella frazione del Comune di Sannicola, considerate le competenze proprie della Provincia di Lecce, la vicepresidente ha voluto promuovere subito un’iniziativa. “Da mamma, innanzitutto, da amministratrice, poi – conclude – sento di affermare, e non è retorica, che le istituzioni non possono restare indifferenti. So che ogni giorno nel nostro territorio ci sono molteplici iniziative nel sociale, ma evidentemente si può e si deve fare ancora di più. In questo particolare momento credo che sia utile e necessario capire insieme quali limiti ed ostacoli debbano essere superati per prevenire e combattere tutte le situazioni di disagio ed abuso di cui sono vittime i bambini e le bambine della nostra comunità”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!