Amianto, pericolo per gli studenti di Galatina

L’associazione ambientalista indaga su 18 capannoni con copertura in amianto

Scoperti amianto e polveri cancerogene disperse nell’aria nei pressi di un istituto professionale di Galatina. Scattato l’allarme, Luigi Mangia, responsabile di Legambiente, si sta prodigando per risolvere il problema

Scoperta una discarica abusiva a pochi metri da una scuola, in istituto professionale di Galatina. Subito in moto l’associazione ambientalista che attraverso Luigi Mangia, il responsabile, chiede alle autorità locali che venga fatta luce sulla situazione. Sembra infatti che tra la zona che va da S. Vito sino al Calvario di Noha ci sia la presenza di 18 capannoni, di proprietà di contadini del luogo, con copertura in amianto, proprio quell’amianto che è stato bandito perché riconosciuto dalla legge come sostanza cancerogena. Inoltre, dagli accertamenti fatti dopo la denuncia di Mangia, si è appurato che sotto tali capannoni venivano praticate attività domestiche da parte delle madri di famiglia, che cucinavano e svolgevano mansioni di altro genere. Ma il fatto più preoccupante è quello che sono state rilevate alcune discariche abusive nei pressi delle scuole del luogo dove bambini e ragazzi passano gran parte delle loro giornate. Il problema dell’amianto di certo non mancherà di richiamare la seria attenzione delle forze dell’ordine e degli enti responsabili locali, o almeno è quello che si aspetta Luigi Mangia e tutta Legambiente dopo la sconcertante denuncia presentata alle autorità.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!