Un Pug per Porto Cesareo

La giunta Foscarini si prepara a raggiungere il primo obiettivo di governo

“Porto Cesareo avrà il nuovo Pug dopo anni di inganni e false promesse”. Lo annuncia in consiglio comunale Vito Foscarini, primo cittadino della marina ionica

“Il governo Foscarini passerà alla storia moderna di Porto Cesareo, come la prima ed unica amministrazione civica, capace di dotare il territorio, dopo anni di false promesse ed estenuanti attese, dello strumento urbanistico generale, atteso da decenni. Il nuovo Pug che è nostra intenzione portare in pubblica assise per l’approvazione entro un periodo particolarmente breve, necessario per i doverosi aggiornamenti, detterà le regole e lo sviluppo futuro dell’urbanizzazione di uno dei più bei paesi del Salento, nel pieno rispetto, questo sia chiaro ed evidente a tutti, dell’ambiente e del nostro splendido paesaggio. Era la battaglia priorità del nostro programma di governo che con i fatti stiamo portando ad obiettivo”. Questo il commento di Vito Foscarini, primo cittadino della marina jonica, all’indomani del consiglio che in buona sostanza ha “modificato” il vecchio Pug (identico infatti è rimasto il documento programmatico preliminare dpp) adottato in zona cesarini (ultimo consiglio utile) dalla vecchia amministrazione guidata da Luigi Fanizza e dalla maggioranza della lista “Arcobaleno”, usciti sconfitti nelle elezioni amministrative dello scorso maggio 2006. “Abbiamo ritenuto opportuno rivedere il Pug – dichiara Foscarini a nome dell’amministrazione – con il principale scopo di soddisfare le esigenze della comunità, andate deluse da un piano scriteriato, raffazzonato e non rispondente alle reali esigenze di sviluppo urbanistico della collettività. Abbiamo soprattutto ritenuto opportuno e doveroso, accogliere alcune osservazioni di carattere generale presentate così come previsto dalla legge vigente in materia, sia dal movimento di minoranza “Onda Nuova” che da alcune importantissime osservazioni poste dalle più note associazioni ambientaliste (Italia Nostra, Legambiente) che a ragione chiedevano l’assoluta e categorica tutela della fascia costiera. Osservazioni peraltro – aggiunge – votate all’unanimità dall’intero consiglio”. Non fa riferimenti ai suoi avversari politici Foscarini, ma si dichiara pronto a qualsiasi battaglia pubblica e giudiziaria. “Ho già programmato per i prossimi giorni – afferma – una serie di incontri, convegni e dibattiti, di approfondimento e conoscenza di quello che sarà il nuovo strumento urbanistico che la mia amministrazione svilupperà per il bene di Porto Cesareo e per il suo importante sviluppo futuro. Negli incontri coinvolgeremo le più alte figure istituzionali della Provincia di Lecce e della Regione Puglia e tutte, nessuna esclusa, le parti attive della comunità cesarina. Inizieremo con i media e la stampa e poi a stretto giro incontreremo pubblicamente i cittadini, le forze politiche, le associazioni, gli imprenditori e tutte le forze sociali e culturali. Se sarà necessario – conclude – sono altresì pronto a confrontarmi in altre sedi con chi non avendo altri strumenti a disposizione mente spudoratamente sapendo di mentire, usando la sola arma delle offese personali e delle calunnie gratuite, dettate unicamente dalla rabbia di una sconfitta politica mai digerita”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!