Molestie a scuola: un video shock

Atti sessuali con minorenni. Indaga la Procura

In un minuto e 22 secondi, il filmato realizzato con telefonino cellulare punta l’obiettivo su una docente palpeggiata dai suoi studenti, riuniti attorno alla cattedra. Si dovrà verificare se il video è stato manipolato e poi identificare professoressa e alunni

Prima bisognerà stabilire se il video non sia stato manipolato. A questo penseranno gli accertamenti in corso da parte dei tecnici incaricati dalla Procura. Certamente esso è stato realizzato da un dilettante, con inquadrature mosse e poco professionali. E poi gli interrogativi veri sono altri: la professoressa ripresa dalla telecamera del telefonino cellulare si è effettivamente lasciata palpeggiare da alcuni studenti riuniti attorno alla cattedra? E questi hanno effettivamente meno di 14 o di 16 anni? L’accusa che pesa sulle spalle della docente, ancora non identificata dagli inquirenti, è davvero grave: atti sessuali con minorenni. Il filmato è stato girato la scorsa settimana o, perlomeno, dalla scorsa settimana si muove su internet da una casella di posta elettronica all’altra: in un minuto e 22 secondi inquadra le mani di alcuni studenti che, a turno, si avvicinano ai glutei di una giovane professoressa che lascia fare. Ma il video è finito anche nelle mani di Maria Cristina Rizzo, pubblico ministero, che ha aperto un fascicolo. Del caso si interessa anche Antonio Campanelli, provveditore, e Carlo Sfacteria, capitano dei carabinieri.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!