Lecce. Scuole a norma

Nel quartiere Stadio, interventi per tre sedi di scuola materna

Prosegue l’attività di messa in sicurezza e razionalizzazione delle sedi scolastiche della città di Lecce. Andrea Corvaglia, assessore comunale alla Pubblica istruzione, commenta soddisfatto i risultati e gli obiettivi

Prosegue l’attività di messa in sicurezza e di razionalizzazione delle sedi scolastiche leccesi attuata dall’assessorato alla Pubblica Istruzione. In particolare, nel quartiere Stadio sono stati consegnati (lo scorso 2 febbraio) i lavori di adeguamento della scuola materna statale di piazza dei Partigiani per un importo di 52.267 euro, (il 5 febbraio) i lavori di adeguamento della scuola materna statale di viale Roma per un importo di 71.109 euro alla ditta “Quarta” di Monteroni e (il 25 gennaio) sono stati aggiudicati i lavori di ristrutturazione dell’edificio della scuola elementare di viale Roma con la realizzazione di una nuova scuola materna per un importo di 110mila euro alla ditta ditta “Pellè” di Castrì di Lecce. La creazione di una nuova scuola materna (a quattro sezioni) nel quartiere si è resa necessaria per riportare alla loro originaria capienza le altre due scuole materne dipendenti dall'istituto comprensivo “Stomeo-Zimbalo”. Infatti, nel corso degli anni, a seguito dell’aumento delle iscrizioni, entrambe le strutture hanno visto crescere il numero di sezioni, che però, spesso, sono state ricavate in spazi accessori (sale giochi, sale attesa, ecc.) sottraendoli così al diritto dell’uso da parte dei bambini. “La materna di viale Roma – spiega Andrea Corvaglia, assessore alla Pubblica Istruzione – era stata progettata per accogliere quattro sezioni, invece oggi ne funzionano ben sei. La materna di piazza Partigiani era nata come una scuola per quattro sezioni ed oggi ne funzionano invece cinque. Tutto questo a scapito di una sana vivibilità di tutti gli ambienti scolastici. E’ superfluo sottolineare che quando si parla della creazione di sedi di scuola materna v’è l’obbligo di garantire, oltre alle tradizionali aule, servizi igienici adeguati alla popolazione scolastica e spazi per le attività ricreative e di mensa. Il tutto previa acquisizione di pareri e a-osta da parte degli organi preposti, come Ausl (servizi Sisp, Spesal e Sian) e Comando dei Vigili del Fuoco. Trattandosi di sedi scolastiche funzionanti i lavori, d’imminente avvio, saranno eseguiti compatibilmente con la presenza degli alunni”. Alla fine dei lavori il quartiere avrà a disposizione tre sedi di scuola materna: le due attuali in viale Roma ed in piazza dei Partigiani, ed una nuova, in un’ala resa indipendente dell’edificio della scuola elementare di viale Roma. Tutte adeguate alle normative igienico-sanitarie, di prevenzione incendi e di funzionalità, all’altezza della qualità dell’offerta formativa dell'istituto. Analoghi interventi sono stati programmati per regolarizzare le sedi di materna create nelle scuole elementari “Battisti” e “Diaz” e presso la scuola elementare di via Ofanto, succursale del V° Circolo. “Lo sforzo di questo Assessorato in questi anni – prosegue Andrea Corvaglia – è stato sempre quello di promuovere il principio della legalità applicato all’uso degli edifici scolastici che, purtroppo, molte volte viene disatteso dagli stessi organi scolastici portati ad accogliere alunni in esubero sulla spesso irrazionale spinta dell'utenza”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!