Rotundo: “La Regione dà importanza alla sanità di Lecce”

Il commento di Rotundo sui finanziamenti regionali per il Fazzi

Il Fazzi diventerà il Policlinico del Salento. La giunta Vendola impegna 128 milioni di euro per una nuova struttura ospedaliera di 550 posti letto. Rotundo si dice soddisfatto

“È veramente di straordinario valore ed importanza la decisione assunta dal governo regionale pugliese con la quale si destinano ben 128 milioni di euro alla realizzazione del nuovo Vito Fazzi”. Commenta con entusiasmo Antonio Rotundo, candidato sindaco di Lecce per l’Unione, la decisione della Regione Puglia di finanziare il nuovo ospedale “Vito Fazzi”. “Si tratta – spiega l’aspirante primo cittadino – del più grosso investimento mai fatto verso la nostra città. Esso ha infatti l’obiettivo di assicurare a Lecce, e a tutto il territorio del Grande Salento, una sanità al passo con i tempi attraverso standard europei di eccellenza. La previsione di tale ambizioso progetto – continua Rotundo – è contenuto nella delibera con cui la giunta Vendola-Frisullo indica le priorità che saranno inserite nell’accordo di programma con il governo nazionale. Il nuovo Vito Fazzi procede di pari passo all’iniziativa già avviata di istituire la facoltà di Medicina e Chirurgia all’Università di Lecce, restituendo all’ospedale della città la centralità indispensabile per valorizzarne i punti di eccellenza e potenziarne gli obiettivi di qualità per il nostro territorio. In questo quadro si colloca la volontà della Regione di costituire il Vito Fazzi come azienda ospedaliera autonoma dopo il declassamento imposto per decisione del Governo precedente”. Rotundo esprime inoltre piena soddisfazione per lo stanziamento da parte della Regione Puglia di oltre 6 milioni di euro per il completamento del padiglione Oncologico presso l’ospedale Vito Fazzi.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!