Ottavo violento episodio ai danni del Tacco

Intimidazioni telefoniche, danneggiamenti, un furto. Puntuali, all'uscita di ogni numero del giornale. Si pensa ad un mandante

All'inizio di ogni mese, puntuale come l'uscita del Tacco in edicola, arriva il danno. Siamo all'ottavo episodio. Questa volta gli esecutori materiali sono stati arrestati. Erano in cinque. Si indaga sul mandante

Siamo all’ottavo episodio: nell’ultimo anno la sede del Tacco d’Italia ha subito piccolo e grandi danneggiamenti, furti, tentativi di furti, intimidazioni e minacce via telefonica. Tutto regolarmente denunciato alle Autorità. L’ultimo episodio si è svolto in due fasi: nella serata del sabato, verso le 9.30, è stato sfondato da cinque individui il primo strato di parete di carparo della porta secondaria della redazione del giornale, murata dopo l’ultimo furto subìto. I malviventi si sono trovati di fronte una seconda parete, questa volta di cemento. Hanno abbandonato il colpo per ritornare la sera successiva. Nel frattempo però erano stati allertati i Carabinieri della stazione di Casarano. Verso le 23 della domenica i cinque malviventi sono tornati per completare il colpo. Sono stati avvistati da alcuni cittadini che, dopo aver chiamato Vigili urbani e Carabinieri, hanno contribuito con le Forze dell’ordine a bloccarne uno, un diciassettenne di Casarano. Fonti non ufficiali riferiscono che dopo poco i Carabinieri hanno arrestato gli altri, in tutto due minorenni e tre maggiorenni. I due minorenni, già pregiudicati, sono stati condotti al carcere minorile di Lecce. Ora si tratta di scoprire se c’è dietro un mandante. Sarebbe questa la pista più attendibile, a giudicare dall’entità e dalla difficoltà dell’effrazione e dalla numerosità della banda. Numeri sproporzionati rispetto ad un eventuale bottino che avrebbero potuto ricavarne: due computer e attrezzature d’ufficio. Riportiamo di seguito la notizia emanata dall'agenzia Ansa: TENTATO FURTO IN SEDE MENSILE, ARRESTATI DUE MINORENNI TENTANO FURTO IN SEDE MENSILE, ARRESTATI DUE MINORENNI YBA12502 R CRO S44 QBKP TENTANO FURTO IN SEDE MENSILE, ARRESTATI DUE MINORENNI (ANSA) – CASARANO (LECCE), 12 FEB – Due ragazzi di 17 anni sono stati arrestati la scorsa notte dai carabinieri a Casarano, mentre tentavano di entrare, probabilmente per compiervi un furto, nella sede della redazione giornalistica del mensile 'Il tacco d'Italia', al piano terra di un edificio nella centrale piazza Diaz. I due sono stati bloccati mentre utilizzando come ariete grossi massi in tufo avevano appena sfondato la parete laterale dell'edificio che affaccia su un vicolo laterale. Uno dei due aveva già avuto una denuncia per rapina, l' altro era stato invece arrestato in passato e affidato a sua madre. Secondo i carabinieri, i due non sarebbero stati i soli responsabili del tentativo di furto. Ad operare sarebbero stati in cinque come si vede nelle riprese fatte da una telecamera di un'agenzia investigativa che è di fronte al muro che stava per essere abbattuto. Le riprese hanno mostrato anche che gli stessi cinque la sera di sabato scorso si erano presentati già una prima volta sul luogo abbattendo una prima porzione del muro. Poi accortisi della presenza di alcune sbarre messe a rinforzo avevano deciso di proseguire il lavoro l'indomani. I rumori causati dall'abbattimento del muro hanno richiamato l' attenzione di alcuni residenti fra cui il padre del direttore responsabile del mensile, Maria Luisa Mastrogiovanni, che ha subito allertato i carabinieri. Quando però i militari sono giunti sul posto tre del gruppo erano già riusciti a fuggire e sono ancora in corso di identificazione. I due arrestati sono stati condotti nel centro di prima accoglienza per minori di Monteroni. Si tratta dell'ottavo episodio delinquenziale avvenuto in poco meno di dieci mesi ai danni del mensile salentino; fatto questo che secondo gli inquirenti potrebbe indurre a ipotizzare che dietro gli episodi ci sia un mandante. Ogni episodio si verifica d'abitudine qualche giorno dopo l' uscita del mensile che spesso ospita inchieste su vicende locali piuttosto delicate.(ANSA). YWP-DAR/CIO 12-FEB-07 13:01 NNN FINE DISPACCIO

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!