Poli: “Si verifichi sulle Commissioni di Controllo e Garanzia”

La lettera inviata da Poli Bortone a Giordano

Negli ultimi due anni, le Commissioni consiliari leccesi di Controllo e Garanzia non si sono mai riunite. Adriana Poli Bortone, sindaca di Lecce, ha chiesto di verificarne il motivo

In una lettera inviata ieri a Michele Giordano, presidente del consiglio comunale di Lecce, Adriana Poli Bortone, prima cittadina del capoluogo salentino, ha richiesto una verifica dei motivi per i quali le due Commissioni consiliari di Controllo e Garanzia non sono state mai convocate negli ultimi due anni. Risulta infatti che la Commissione per il controllo della gestione e degli strumenti di programmazione previsti nello Statuto (presieduta da Carlo Salvemini, consigliere Ds) non sia stata più convocata dopo il 1° febbraio 2005 e la Commissione per il controllo della conformità degli atti allo Statuto ed ai Regolamenti e della attuazione di questi ultimi (presieduta da Sergio Signore, consigliere della Margherita) non sia stata più convocata dopo il 20 dicembre 2004. Alle due Commissioni spetta il compito di approfondire lo stato di attuazione di piani, programmi generali e settoriali (anche mediante convocazione ed audizione di assessori, dirigenti, consulenti e personale dell’ente) e di relazionare periodicamente al consiglio. Si tratta, in sostanza, di funzioni di controllo e garanzia della regolarità dell’iter gestionale degli atti e quindi di tutela dei cittadini. Le Commissioni esercitano le funzioni attribuite in maniera autonoma ed il presidente è eletto con votazione alla quale prendono parte soltanto i componenti appartenenti ai gruppi di opposizione.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!