Società lussemburghesi e speculazioni leccesi

Il centrosinistra vuol capire chi si nasconde dietro l'acquisto di terreni agricoli a Lecce, alla vigilia dell'approvazione del PUG

I consiglieri di centrosinistra del Comune di Lecce Antonella Lifonso, Marcello Belgioioso, Carlo Benincasa, Grazia Manni e Stefano Porcari hanno protocollato una mozione nella quale chiedono conto all'amministrazione di centrodestra della compravendita di terreni agricoli da parte della società lussemburghese “Iskenia”

[Mozione]

Premesso che si è avuta notizia, anche attraverso la visione di atti notarili, di una compravendita di estese superfici di terreni agricoli a ridosso della città di Lecce compresi tra le vie Pomponio e Scotellaro da parte di una società lussemburghese di intermediazione immobiliare, la “Iskenia”, che agisce per conto di soggetti che intendono muoversi nell'anonimato; tale circostanza allarma le forze economiche ed imprenditoriali della città giacchè fa intravvedere i presupposti di una grande operazione di speculazione edilizia ai danni del tessuto imprenditoriale locale e più in generale dell'intera città. Considerato che si è in fase di redazione del PUG (piano urbanistico generale) e certamente tale circostanza non è estranea all'operazione di compravendita in corso; desta forte preoccupazione l'idea che il PUG, da stumento di programmazione dello sviluppo del territorio che si auspica sostenibile e condiviso, possa trasformarsi in strumento di speculazione di pochi che, agendo nell'anonimato, dimostrano di avere motivazioni per nascondersi. Si impegna il sindaco e la Giunta ad assumere idonee iniziative volte a rendere trasparenti le attività in essere sui terreni in questione e a porli al riparo da oscure azioni di speculazione edilizia e a rendere pubblico e partecipato lo stato di attuazione del PUG o le previsioni di massima allo stato elaborate. Firmato, i consiglieri comunali di centrosinistra: Antonella Lifonso, Marcello Belgioioso, Carlo Benincasa, Grazia Manni e Stefano Porcari

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!