Lecce. Più attenzione ai rifiuti

Il Comune ha intrapreso la strada del potenziamento del servizio

E’ già pronto un tavolo di concertazione tra Comune di Lecce e le aziende Aspica, Ecotecnica e Monteco, che gestiscono la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti in città. L’obiettivo è un servizio più articolato

La Commissione Ambiente del Comune di Lecce, nella seduta di ieri, ha sottoscritto all’unanimità dei presenti un documento che affida all’amministrazione comunale l’incarico di attivare un tavolo con le aziende (Aspica, Ecotecnica e Monteco) che gestiscono il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti in città al fine di ottenere un potenziamento del servizio. Lo ha reso noto Eugenio Pisanò, assessore comunale all’Ambiente. “L’obiettivo – ha spiegato Pisanò – è migliorare ulteriormente l’attuale gradimento del servizio da parte di tutti i cittadini, in particolar modo di quelli delle periferie. I contributi ed i suggerimenti forniti dai componenti della Commissione Ambiente costituiranno una immediata base di trattativa con le aziende stesse, che vivono in questo particolare momento difficoltà dovute al serpeggiante stato di agitazione del personale, privo di certezze e di tranquillità per l’espletamento del lavoro nell’immediato futuro. Sarà cura dell’amministrazione comunale – ha rassicurato Pisanò – informare la Commissione degli sviluppi di tale trattativa al fine di un coinvolgimento totale del consiglio comunale”. “Le osservazioni della Commissione Ambiente – ha evidenziato Adriana Poli Bortone, sindaca del capoluogo salentino – derivano dalla relazione dell’Osservatorio che come Ato abbiamo attivato per monitorare l’attuazione dei servizi presenti in capitolato, e dunque le eventuali carenze, e migliorarli. Sarà poi il consiglio comunale a stabilire – ha concluso – se e quali provvedimenti assumere per offrire alla città un servizio migliore”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!