Da Agea ritardi ed errori per gli olivicoltori

Ritardi ed errori da parte di Agea nei pagamenti per la campagna PAC olivicola

In Salento così come in tutta l'Italia olivetata si sono verificati in questi giorni ritardi ed errori nei pagamenti dei premi comunitari da parte di Agea (agenzia per le erogazioni in agricoltura) legati alla campagna olivicola 2005/06

In Salento così come in tutta l'Italia olivetata si sono verificati in questi giorni ritardi ed errori nei pagamenti dei premi comunitari legati alla campagna olivicola 2005/06. Assegni di pagamento non pervenuti e quando recapitati con somme diverse da quelle comunicate nella fase istruttoria delle domande di aiuto, tutto ciò a danno degli imprenditori sia per il cambio in corsa di alcuni parametri di calcolo sia per il mancato aggiornamento delle situazioni aziendali. E’ questo il quadro confuso che offre il nuovo sistema di pagamento dell’aiuto comunitario per il settore dell’olio di oliva dopo il recapito agli olivicoltori salentini e non solo della prima ondata di assegni per la campagna 2005/06. Una vicenda, prontamente denunciata che sta creando vivo malcontento e rabbia tra i produttori olivicoli che al danno del mercato oleario, con quotazioni basse che non si registravano da tempo, aggiunge la beffa dei pagamenti ritardati o errati. Incontri istituzionali sono in corso tra Agea ed i vari CAA al fine di approfondire la grave situazione determinata dal nuovo sistema di calcolo e pagamento dell’aiuto comunitario per l’olio di oliva e individuare proposte condivise per il superamento delle problematiche. Si spera in un ripristino del valore dei titoli originariamente assegnati ai produttori olivicoli. Studio Stea CAA Confagricoltura P.zzi Jeca – Casarano www.studioagronomicostea.com

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!