Taglio del nastro per il più grande concorso del Salento

Il progetto coinvolge gli studenti di elementari, medie e superiori di 15 Comuni del basso Salento

Per innovare la pubblica amministrazione, diffondere la conoscenza delle nuove tecnologie e sostenere le realtà locali, ha preso il via ieri il concorso a premi più grande della storia del Salento, firmato dal progetto europeo Sal.go, che ha Casarano come Comune capofila. I numeri parlano chiaro: 20mila potenziali partecipanti ed un montepremi di 51.500 euro

E’ partito ieri il più imponente concorso a premi per studenti nella storia del Salento. Sono oltre 20mila, infatti, i potenziali partecipanti alla gara che avrà un montepremi davvero consistente: 51.500 euro. Le scuole coinvolte sono ben 42 distribuite in 15 Comuni. Numeri importanti, quindi, per questa iniziativa del Comune di Casarano, ente capofila di un progetto europeo denominato “Sal.go” (Salento Government), e che coinvolge gli studenti delle elementari, medie e superiori dei comuni di Acquarica del Capo, Alessano, Alezio, Alliste, Casarano, Melissano, Morciano di Leuca, Nardò, Parabita, Racale, Sannicola, Supersano, Taurisano, Taviano e Ugento. Il concorso ha un criterio obbligatorio: l’uso di tecnologie multimediatiche. Il progetto “Sal.go”, infatti, ha tra le sue finalità anche quella di innovare la pubblica amministrazione, la diffusione della conoscenza delle nuove tecnologie tra i cittadini e il sostegno alle realtà locali. I partecipanti, utilizzando quindi le tecnologie informatiche, dovranno presentare progetti su temi riguardanti il miglioramento della qualità della vita nelle città e la tutela, monitoraggio, valorizzazione e promozione dei beni culturali. Gli elaborati multimediali potranno essere presentati individualmente o da un gruppo di studenti della stessa scuola. I lavori saranno valutati da una giuria di esperti, con il compito di assegnare, per ciascuna fascia d’età, i premi in denaro. La grande novità di questo concorso riguarda l’entità del montepremi e la possibilità per i vincitori di aggiudicarsi premi in denaro sia all’autore o autori del migliore elaborato sia alla scuola cui appartiene l’elaborato vincitore di questa prima fase “locale”. I vincitori poi, parteciperanno ad una ulteriore valutazione “sovracomunale”, da cui uscirà l’assegnazione dei premi assoluti: un premio all’autore o gruppo di autori del miglior prodotto tra tutte le scuole elementari e medie e i primi tre classificati, sia come scuola sia come autori, per le scuole superiori. “Abbiamo voluto favorire una collaborazione stretta tra il Comune capofila del progetto e i 15 Comuni che aderiscono a Sal.go – spiega Remigio Venuti, sindaco di Casarano – affinché già nelle scuole si cominci a costruire un’identità nei piccoli cittadini, non legata al campanile ma ad un intero territorio, ad un sistema. Questa è solo una delle tante iniziative – continua Venuti – che, all’interno del progetto Sal.go, hanno l’obiettivo di innalzare la qualità della vita dei cittadini, in particolare di giovani e anziani, attraverso l’utilizzo delle nuove tecnologie informatiche. Nei prossimi mesi – conclude – sveleremo gradualmente tante altre novità positive rivolte ai centri del Basso Salento”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!