Rotundo nella 167

240 giorni per concludere i lavori sulle palazzine Iacp di Lecce

Lo scorso venerdì, Antonio Rotundo, candidato sindaco di Lecce per l’Unione, ha visitato le case popolari di via Siracusa a Lecce. Sandra Zappatore, dirigente Iacp, che l’ha accompagnato, ha annunciato che entro fine febbraio sarà effettuata l’aggiudicazione della gara d’appalto per ristrutturare l’edificio

Il giro per la città di Antonio Rotundo, candidato sindaco di Lecce per l’Unione, venerdì scorso ha fatto tappa nella zona 167, in particolare nell’edificio situato al civico 122 di via Siracusa. Il condomino, come molti altri della periferia leccese, versa in condizioni di degrado da molti anni. Con la violenta tromba d’aria di settembre 2006, ha subìto danni che hanno reso necessario, da parte dell’attuale dirigenza dello Iacp di Lecce, un tempestivo intervento e quindi la transennatura dello stesso in quanto ritenuto pericolante in alcune sue parti esterne. Gli inquilini del palazzo di via Siracusa hanno dunque convocato venerdì una piccola assemblea alla quale hanno invitato anche Antonio Rotundo e Sandra Zappatore, dirigente Iacp. Durante l’incontro hanno esposto il problema di disagio vissuto nel quartiere e in particolare nel caseggiato da loro abitato. L’occasione è stata colta dalla dirigente dello Iacp per annunciare che entro la fine di febbraio 2007 sarà effettuata l’aggiudicazione della gara d’appalto, già bandita dall’Istituto autonomo delle case popolari di Lecce, per individuare la ditta che si occuperà dei lavori di ristrutturazione dell’edificio. La gara è stata finanziata dall’attuale governo regionale per un importo che ammonta a 346mila euro. L’impresa che si aggiudicherà l’appalto a fine mese, avrà 240 giorni per la conclusione dei lavori.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!