Come ti cambio piazza San Domenico

Sabato scorso la cerimonia nell’auditorium comunale

Si è classificato primo al concorso di idee per la riqualificazione di piazza San Domenico di Casarano il progetto presentato da un gruppo di lavoro di Napoli, capeggiato da Pierangelo Izzo. A questo la commissione riunitasi venerdì e sabato scorsi ha assegnato il premio da 6500 euro

Un gruppo di giovani professionisti campani si è aggiudicato il concorso di idee per la riqualificazione e riorganizzazione di piazza S. Domenico di Casarano. La commissione di esperti, riunitasi in Municipio tra venerdì e sabato scorsi per esaminare i 34 elaborati in gara, ha scelto il progetto presentato del gruppo di lavoro facente capo all’architetto Pierangelo Izzo da Cautano (Benevento) che si aggiudica il premio di 6.500 euro. L’annuncio è stato dato al termine della cerimonia organizzata sabato scorso presso l’Auditorium comunale. I premi in denaro erano previsti per i primi tre classificati, ma la commissione ha voluto fare una menzione ad altri tre lavori. Il progetto dei professionisti campani è stato scelto perché, come hanno scritto gli esperti nella motivazione, “affronta la progettazione della piazza con un'interessante soluzione che caratterizza fortemente disegno e usi del grande vuoto urbano. Risponde coerentemente alle richieste contenute nel bando limitando l'attraversamento veicolare della piazza con un solo percorso parallelo all'edificio scolastico. Il progetto mantiene una netta separazione della scuola dal percorso strada conservando il dislivello esistente della grande terrazza e caratterizzando l'area con una accurata sistemazione a verde. Il resto della piazza, totalmente pedonale – prosegue la motivazione – è contraddistinto da partiture architettoniche che, sfruttando la lieve diversità di quota, definiscono spazi collettivi per la socializzazione e per manifestazioni pubbliche. Il fronte della sede municipale e della chiesa è caratterizzato da un lungo spazio longitudinale arredato con sedute di pietra e arredo vegetale”. Secondo classificato è risultato il progetto del gruppo di lavoro dell’architetto Rocco Alberto De Luca da Matino, che si aggiudica 2.500 euro; al terzo posto, il progetto dello studio “Dam” dell’architetto Paolo Cannata da Roma, al quale vanno 1.000 euro. Menzione speciale al progetto del gruppo dell’architetto Rocco Ozza da Casarano (quarto classificato), al progetto del gruppo dell’architetto Francesco Saverio Visone da Napoli (quinto classificato) e al progetto dell’architetto Iride Filoni da Nardò (sesto classificato). “Non ci posso credere – ha commentato Izzo raggiunto telefonicamente –. Ma veramente abbiamo vinto noi? Sono emozionato e molto contento perché siamo stati giudicati da persone altamente competenti”. Il gruppo progettuale che ha vinto il concorso era composto anche dagli architetti Alfredo Calvanese ed Espedito Lamberti, entrambi di Poggiomarino (Napoli). I 34 lavori partecipanti al concorso saranno presto esposti nell’atrio del Municipio.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!