Olio da calendario

Nei dodici mesi Grinzane, volti di scrittori e di produttori

I fratelli Primiceri di Casarano, produttori di olio con il marchio “Prim.Ol.Jo” sono il soggetto del mese di ottobre del calendario “Grinzane Cavour”. Alternati a uomini di cultura e fama internazionale

Un muretto a secco e , sullo sfondo, una meravigliosa distesa di ulivi. Fotografati nel naturale habitat salentino dalla ritrattista Muriel Oasi, i fratelli Primiceri – Rocco, Cosimo e Fernando – hanno avuto l’onore di essere inseriti nel prestigioso calendario 2007, edito dall’organizzazione del premio letterario “Grinzane Cavour” in occasione del venticinquesimo anno di istituzione. I tre imprenditori casaranesi, produttori di olio extravergine di qualità con il marchio “Prim.Ol.Jo.”, sono i personaggi di ottobre 2007 e nel calendario vengono alternati a colleghi e uomini di cultura. “Volti di scrittori, volti di produttori” è infatti il titolo del calendario 2007 e tra gli uomini di cultura sono presenti nomi di fama internazionale: gli scrittori Derek Walcott (premio Nobel per la Letteratura 1992), David Grossman, Salman Rushdie, Laura Restrepo, Tahar Ben Jelloun e il premio Nobel per la Pace 1992, Rigoberta Menchù. Il progetto e il senso dell’accostamento scrittori-produttori lo illustra Giuliano Soria, presidente del premio Grinzane. “Il progetto del calendario – spiega Soria – prende spunto dai capisaldi che ispirano il progetto del Parco Culturale del Grinzane: la letteratura e la cultura del territorio. Nel calendario 2007 – prosegue il presidente – i profili di grandi scrittori si alternano nei 12 mesi, senza soluzione di continuità, con i volti di produttori degli amici del Grinzane; le pagine e le parole si avvicendano ai prodotti principi della terra: l’olio, il vino e la grappa”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!