Longo al posto di Causo in consiglio provinciale

Il ricorso di Enrico Causo e poi la nomina di un nuovo consigliere

Nella seduta di consiglio provinciale dello scorso lunedì Giuseppe Longo è subentrato al posto dello scomparso Enrico Causo sulla poltrona di consigliere provinciale. Il mio lavoro – ha detto – sarà speso per la collettività”

“Enrico Causo (il primo cittadino di Racale e consigliere provinciale scomparso poche settimane fa, ndr) era un politico di grande capacità, competenza e saggezza – ha dichiarato Sergio Bidetti, presidente del consiglio provinciale, nell’aprire la seduta di consiglio dello scorso lunedì -. E’ stato un buon sindaco oltre che un ottimo consigliere provinciale. A lui va il nostro apprezzamento per le doti umane e politiche che ci ha lasciato, ed il suo ricordo sarà sempre vivo tra di noi”. Alle parole di Bidetti hanno fatto eco quelle di Giovanni Pellegrino, presidente della Provincia. “In lui ho riscontrato gentilezza e cordialità d’animo. E la tante gente presente il giorno delle sue esequie è stata la miglior testimonianza dell’affetto cui era circondato”. E’ subentrato nell’assise di Palazzo dei Celestini al posto di Causo, Giuseppe Longo (UDC – Libertas), 50enne di Tricase, direttore del Servizio Igiene, Alimentazione e Nutrizione di Maglie (ex Ausl Le2). “E’ sì un momento di gioia – ha dichiarato il neo-consigliere – ma nello stesso tempo velato di tristezza. Il mio primo pensiero và ad Enrico Causo, persona attiva e determinata, capace di leggere e capire i bisogni della collettività. Mi auguro di avere la sensibilità da lui dimostrata, insieme alla volontà di imparare da questo consesso in cui sono presenti personalità di comprovata esperienza. Il mio lavoro di consigliere provinciale sarà speso per la collettività del Capo di Leuca, ma non in un’ottica di visione campanilistica, bensì in un impegno a favore dei bisogni della gente”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!