Una mostra per ricordare gli ebrei in Terra d'Otranto

Un'iniziativa dell'Archivio di Stato di Lecce

A Lecce l'Archivio di di Stato ha organizzato una mostra documentaria sul tema “Comunità ebraiche in area salentina tra Medioevo ed età moderna” che resterà aperta al pubblico fino al 28 febbraio. Immagini e documenti che ricostruiscono una parte della Shoah in occasione della Giornata della memoria

Una mostra documentaria sul tema «Comunità ebraiche in area salentina tra Medioevo ed età moderna» è l’iniziativa che l’Archivio di Stato di Lecce ha scelto per celebrare la Giornata della Memoria. La mostra è stata allestita nella sede istituzionale dell’Archivio – a Lecce, in via Alfonso Sozy Carafa, 15 – e resterà aperta al pubblico sino al prossimo 28 febbraio. Una rassegna di immagini e documenti che testimoniano aspetti e momenti peculiari della condizione degli ebrei in Terra d’Otranto in due importanti epoche storiche. Obiettivo primario è quello di suscitare un’attenta riflessione su questi temi, nell’intento di delineare, in un contesto preciso e supportato dall’immediatezza delle fonti, il diverso modo di atteggiarsi nei confronti delle minoranze ebraiche sia da parte del potere civile sia da parte del potere ecclesiastico. Fra i documenti proposti dalla mostra si segnalano (entrambi tratti dal Codice di Maria d’Enghien) quello concernente l’obbligo per gli ebrei salentini di avere ben visibile sugli abiti un segno distintivo ed identificativo, costituito da un panno rosso, e l’altro riguardante il divieto tassativo di approvvigionarsi, durante tutto il periodo quaresimale, di qualsivoglia tipo di generi alimentari e vettovaglie. Relativamente alle immagini, invece, viene riproposta, con altre, la statua emblematica dell’ebreo deicida, fatta oggetto in Galatina – ancora sino a pochi decenni fa – di singolari «aggressioni» durante i riti della settimana santa ed il particolare di un’epigrafe proveniente dall’antica sinagoga leccese. La mostra potrà essere visitata durante tutti i giorni feriali e sarà, inoltre, possibile prenotare visite guidate telefonando allo 0832/ 246788.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!