Parcheggi in piazza Diaz. Marcia indietro del Comune

Le strisce blu rimangono. Almeno fino a primavera

Una nuova ordinanza comunale proroga al 20 aprile la scadenza del provvedimento di parcheggio sul lato destro di piazza Diaz a Casarano. Nell’attesa, spiegano dal Municipio, che siano realizzati i nuovi parcheggi nella ex Arena Moderna

Sono stati prorogati i termini e gli effetti dell’ordinanza di ripristino dei parcheggi in piazza Diaz a Casarano. Nei giorni scorsi, infatti, Palazzo dei Domenicani ha deciso di emettere un’altra ordinanza che stabilisce di mantenere le strisce blu sul lato destro della piazza centrale. Il provvedimento, scaduto il 15 gennaio scorso, è stato prorogato fino al 30 aprile prossimo. Le motivazioni della disposizione, che susciterà le solite polemiche, sono le stesse della prima ordinanza: i parcheggi si ripristinano in attesa che comincino i lavori per la realizzazione del parcheggio nell’ex Arena Moderna. Doveva essere un provvedimento parziale, limitato alle feste di fine anno e al primo periodo della stagione dei saldi. Gli amministratori comunali lo avevano descritto come un provvedimento-tampone in attesa che il parcheggio centrale di via Padova diventasse realtà. Si sta rivelando, invece, quello che molti cittadini avevano percepito immediatamente: un provvedimento provocato dalla forte pressione dei commercianti del centro e che suona come una clamorosa retromarcia dell’amministrazione comunale su uno dei punti più qualificanti del programma politico del sindaco, Remigio Venuti, e della maggioranza di centro-sinistra. “C’è stato uno slittamento delle procedure di avvio dei nuovi spazi nella ex Arena Moderna – si difendono in Municipio – si pensava che i lavori sarebbero stati avviati prima del 15 gennaio, ma purtroppo così non è stato”. Tra l’altro, molti cittadini hanno osservato che sarà difficile completare il nuovo parcheggio ed attivare la nuova struttura entro il 30 aprile e, quindi, è probabile un’ulteriore proroga della deroga di sostare in piazza Diaz. Prima delle feste di fine anno, sulla piazza centrale della città era permesso solo il transito e una breve fermata per i clienti di alcuni esercizi commerciali (edicola, bar, ricevitoria). Quando ha emesso l’ordinanza di dicembre, l’amministrazione comunale aveva ribadito che il suo obiettivo era l’istituzione dell’isola pedonale in piazza Diaz e che tale progetto non poteva essere realizzato senza la realizzazione dei nuovi spazi per la sosta programmati nell’area dell’ex cinema (il costo complessivo, alla fine, sarà di circa 1.300.000 euro). In questa zona centrale di circa mille metri quadrati saranno realizzati due piani destinati a verde e parcheggi (una sessantina di posti disponibili). In particolare, il piano interrato, che avrà ingresso in via Padova, sarà destinato solo a parcheggi per le auto; mentre il piano terra, con ingresso da via Petrarca, sarà una zona mista verde-parcheggi. La scelta di un sito centrale ha lasciato perplessi molti osservatori.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!