Casarano torna sugli Erp

Le modalità di partecipazione al bando

Su proposta di Antonio Memmi, assessore comunale alle Politiche sociali, la giunta di Casarano ha approvato il bando di concorso per l’assegnazione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica. Tutti, ha chiarito il Comune, già esistenti sul territorio

Dopo oltre un decennio, Casarano torna a parlare di bandi per l’assegnazione di alloggi di Edilizia residenziale pubblica (Erp). La giunta municipale, durante la sessione della scorsa settimana, su proposta di Antonio Memmi, assessore alle Politiche sociali, con la delibera numero 16/2007, ha approvato il bando di concorso generale n. 02/2007 per l’assegnazione in locazione semplice di alloggi di edilizia residenziale pubblica costruiti, da costruire e di risulta che si renderanno disponibili nel Comune di Casarano, di cui alla legge regionale n. 54/84. L’esecutivo comunale ha anche approvato lo schema di domanda di partecipazione di cui sarà presto fatta opportuna pubblicità. Palazzo dei Domenicani ha, però, chiarito che gli alloggi da assegnare saranno individuati tra quelli già costruiti ed esistenti sul territorio, lasciati liberi dai precedenti inquilini per qualsiasi motivo. Non sono previsti, quindi, almeno per il momento, programmi per la costruzione ex novo di immobili di edilizia residenziale pubblica. Gli interessati all’assegnazione possono partecipare ad una sola assegnazione nell’ambito regionale. Può partecipare al bando di concorso, inoltre, chi non ha ottenuto l’assegnazione immediata o futura di alloggio realizzato con contributi pubblici, o l’attribuzione di precedenti finanziamenti agevolati in qualunque forma concessi dallo Stato o da Enti pubblici; chi fruisce di un reddito annuo complessivo del nucleo familiare non superiore a 13mila euro, limite stabilito dalla Regione Puglia. Le domande di partecipazione al bando debbono essere compilate su appositi moduli, in distribuzione presso l’Ufficio Casa del Settore Servizi Sociali del Comune di Casarano, ubicato alla via Padova.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!