AAA Inverno cercasi

Inverno mite, ma non per le colture agricole

Un cocktail per niente leggero quello offerto dal'attuale clima alla nostra agricoltura ed al made in Salento, questi gli ingredienti: inverno caldo e poche piogge.

Un cocktail per niente leggero quello offerto dal'attuale clima alla nostra agricoltura ed al made in Salento, questi gli ingredienti: inverno caldo e poche piogge. Questa sarà un'annata favorevole per le larve con prevedibili intensi attacchi da parte degli insetti. Temperature miti infatti in inverno portano in genere affezioni da parassiti per le colture agrarie e non e' difficile immaginare cosa accadra' dopo un inverno non mite, ma proprio caldo come questo. Il freddo infatti riesce in inverno a far debellare un gran numero di larve, che invece con le temperature calde di questi giorni resistono e daranno luogo ad una popolazione di insetti nocivi per le colture molto piu' vasta. A preoccupare inoltre i nostri imprenditori e le coltivazioni agricole sono anche i problemi che potrebbero arrivare dai freddi tardivi. Con questo inverno mite le coltivazioni sono molto più sviluppate rispetto alla norma. Al momento la situazione non fa registrare problemi gravi sul nostro territorio, ma guai seri potrebbero arrivare se si verificasse l'inevitabile rottura del tempo con il freddo. In particolare, per i cereali autunno-vernini, le piante di frumento possono raggiungere già in questi giorni dimensioni superiori alla norma. Al momento per olivo, vite e cereali non ci sono da registrare situazioni di particolare allarme. Certo esiste il rischio che si vada troppo avanti con lo sviluppo vegetativo e che poi si debbano fare i conti con i temibili freddi tardivi. Auguriamoci un cocktail climatico più soft e benevolo. www.studioagronomicostea.com Studio Stea CAA Confagricoltura Pl.zzi Jeca – Casarano

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!