Un nuovo sport è possibile

Positivo incontro di Rotundo con le realtà sportive di Lecce

Realizzare un programma di governo partecipato che raccolga le esigenze della città. Con questo spirito si è svolto l’incontro di ieri tra Antonio Rotundo, candidato sindaco al Comune di Lecce per l’Unione, e federazioni e associazioni sportive

Almeno 40 sono state le realtà cittadine sportive, tra federazioni e associazioni, che hanno partecipato nel pomeriggio di ieri, al Forum sullo sport, tenutosi presso il Patria Palace Hotel, in piazzetta Riccardi a Lecce. Ad incontrarle Antonio Rotundo, candidato sindaco dell’Unione al Comune di Lecce e Salvatore Capone, assessore allo Sport della Provincia di Lecce. Tra gli intervenuti anche Dino Locato, presidente del Coni Lecce e il suo vice Pascali; Roberto Rella del Centro Universitario Sportivo di Lecce (Cusl), Dario Marangio, dell’Unione nazionale veterani dello Sport. L’incontro è stato lungo, intenso e proficuo: circa tre ore di confronto in cui Rotundo ha raccolto una quantità cospicua di proposte e di idee per una politica nuova sullo sport a Lecce. In particolare si è evidenziata l’esigenza di migliorare le strutture, partendo anche dall’esistente, di prevedere spazi pubblici per la pratica dello sport per tutti e di elevare la qualità della vita cittadina verso standard europei a partire dalla realizzazione delle piste ciclabili del tutto assenti nell’area del Comune di Lecce. A conclusione dell’incontro Rotundo ha ribadito che l’obiettivo della giornata non fosse la propaganda elettorale, ma l’inizio di una fruttuosa collaborazione per realizzare prima un programma di governo partecipato che raccolga le esigenze della città direttamente dai suoi protagonisti e quindi individuare un luogo di concertazione permanente sulle politiche per lo sport come metodo per governare la città in maniera condivisa e partecipata.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!