Perrone a Poli: “Mi fai da vice”?

La proposta di Paolo Perrone, candidato sindaco di Lecce, ad Adriana Poli Bortone, attuale prima cittadina della città

“Con Adriana Poli Bortone al mio fianco Lecce non interromperebbe quel percorso di crescita iniziato dieci anni fa, quando era ancora una cittadina di periferia rispetto al resto d’Italia”. Parola di Paolo Perrone, aspirante alla poltrona di sindaco del capoluogo salentino

Si è presa qualche giorno di tempo per pensarci bene, Adriana Poli Bortone, sindaca di Lecce, in seguito alla proposta avanzata da Paolo Perrone, candidato primo cittadino (An) della città. “Vuoi farmi da vice?”, le ha chiesto lui. E lei ha ringraziato del pensiero ma ancora non ha risposto, sentendosi colta alla sprovvista. “Intanto perché – ha precisato – non lascerei mai Paolo da solo nella sua attività amministrativa, altrimenti non mi sarei mai candidata; poi perché sono capolista di An”. Perrone tiene duro, accetta che la Poli si prenda un po’ di tempo per consultarsi anche con gli amici e intanto spiega che la presenza dell’attuale sindaca al suo fianco sarebbe molto importante per la città di Lecce, uscita, proprio grazie a lei, dalla condizione di marginalità in cui si trovava rispetto al resto d’Italia. “Per questo – ha spiegato – ho voluto chiederle di non interrompere il suo impegno amministrativo personale, certo che il suo affetto per la città farà il resto”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!