“Non molliamo”

Le dichiarazioni di Daniele De Pandis, libero del Taviano volley

I giallorossi della pallavolo tavianese vivono un momento di crisi. E la sconfitta di domenica scorsa ad Isernia lo testimonia. Ma il gruppo non si perde d’animo, anzi pensa alla zona play off della promozione

E' una sconfitta pesante sotto tutti i punti di vista quella che Taviano ha rimediato domenica scorsa sul campo dell'Isernia. Pesante perché riduce la forbice di vantaggio su alcuni club che inseguono i salentini e perché a guardare nelle zone di prestigio della lista, allunga ulteriormente il gap da quelle compagini contro le quali la Salento d'amare d'ora in avanti dovrà lottare per ottenere la gloria del secondo lasciapassare consecutivo per i play off della promozione. Quella di domenica è una battuta d'arresto che lascia riflettere. “Purtroppo molto spesso ci capita di vivere canovacci come quello che ci è caduto addosso ad Isernia – commenta Daniele de Pandis, libero del Taviano -. Partiamo benissimo, vincendo alla grande spesso il set d'apertura, poi subiamo oltre il lecito il ritorno dei nostri avversari. Sicuramente ci sono dei cali che non riusciamo a gestire e che alla fine diventano orpelli pesanti ed oltremodo dannosi quando non ce la facciamo a venire fuori dall'empasse in modo tempestivo. C'è da dire – spiega ancora il giocatore leccese – che fino ad oggi ce la siamo giocata alla pari con tutte le formazioni che ci sono capitate sotto tiro. Siamo una squadra che non molla mai e sicuramente daremo fondo a tutte le nostre energie e forze per recuperare a questa sconfitta che ci ha lasciato l'amaro in bocca. Puntiamo a costruirci un prosieguo di stagione da vivere sui livelli più consoni alla nostra caratura, quei livelli del resto ai quali spingono le nostre attese e quelle di tutto l'ambiente salentino”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!