Casarano: “A domicilio anche le cure cardiache”

La proposta di Fernando Venuti al consiglio comunale

Evitare il trauma di un ricovero ospedaliero e ridurre significativamente la spesa sanitaria. Sono i due obiettivi che Fernando Venuti, consigliere comunale della Margherita, ritiene di raggiungere con l’estensione del servizio di cure a domicilio anche ai pazienti di cardiologia

“Il tema sarà al centro dei prossimi incontri con i vertici aziendali della Asl Lecce2”. Così ha promesso Remigio Venuti, sindaco di Casarano, in seguito alla proposta di Fernando Venuti, consigliere comunale della Margherita, di estendere il servizio di cure domiciliari anche a chi è affetto da problemi cardiaci. “Il costante aumento dell’età media della popolazione – ha affermato il consigliere della Margherita a nome dell’intero gruppo e dei consiglieri diessini, durante il consiglio comunale in cui ha illustrato la sua idea – con l’Italia secondo paese più longevo al mondo dopo il Giappone, riporta d’attualità il problema dell’assistenza alle generazioni che invecchiano”. Attualmente, infatti, Asl Lecce2 garantisce l’assistenza domiciliare integrata ai pazienti non deambulanti nelle branche di fisioterapia e neurologia. Secondo Fernando Venuti, invece, sarebbe il caso di estendere il servizio anche per cardiologia perché questa soluzione eviterebbe ai pazienti il trauma del ricovero ospedaliero e permetterebbe una ripresa più veloce dalla malattia. Il consigliere della Margherita ha inoltre sottolineato la significativa riduzione della spesa sanitaria che un cambiamento del genere potrebbe portare, “come già avviene – ha fatto notare – nei paesi anglosassoni, dove questo tipo di assistenza è ormai molto diffuso”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!