Il “Capodanno dei popoli” si sposta a Ruffano e Specchia

“Capodanno dei popoli” della Provincia di Lecce: Specchia e Ruffano gli appuntamenti di mercoledì 10 gennaio

Il Capodanno dei Popoli della Provincia di Lecce prosegue il suo viaggio itinerante tra i comuni del Salento. Mercoledì 10 gennaio, a partire dalle ore 16 l’aula consiliare del Comune di Specchia ospiterà un incontro sull’importante tema dell’acqua

Continua il viaggio nel Salento del “Capodanno dei Popoli”, mercoledì 10 gennaio sarà a Specchia e Ruffano. All’evento parteciperanno Luigi Calò, assessore provinciale alla promozione dell’integrazione e della cultura della pace, Antonio Lia, sindaco di Specchia e presidente dell’Ato Puglia e Riccardo Petrella, già presidente dell’acquedotto pugliese, economista politico, consigliere per la scienza e la tecnologia alla Commissione dell'Unione Europea dal 1997 al 2003, professore di Ecologia Umana all’Accademia di Architettura di Mendrisio, fondatore del “Gruppo di Lisbona”, segretario generale del Comitato Internazionale per il Contratto Mondiale dell'Acqua, fondatore e presidente dell'Università del Bene Comune. “L’acqua fonte di vita è un bene comune che appartiene a tutti gli abitanti della Terra, questo è quanto si legge nel contratto mondiale dell’acqua, in quanto fonte di vita insostituibile per l’ecosistema, l’acqua è un bene vitale che appartiene a tutti gli abitanti della Terra in comune. A nessuno, individualmente o come gruppo, è concesso il diritto di appropriarsene a titolo di proprietà privata. L’acqua è patrimonio dell’umanità. La salute individuale e collettiva dipende da essa. L’agricoltura, l’industria e la vita domestica sono profondamente legate ad essa. Il suo carattere insostituibile significa che l’insieme di una comunità umana – ed ogni suo membro – deve avere il diritto di accesso all’acqua, e in particolare, all’acqua potabile, nella quantità e qualità necessarie indispensabili alla vita e alle attività economiche. Non ci può essere produzione di ricchezza senza accesso all’acqua. L’acqua non è paragonabile a nessun’altra risorsa: non può essere oggetto di scambio commerciale di tipo lucrativo”. Sempre mercoledì 10 gennaio, il Teatro Comunale di Ruffano ospiterà dalle 20 una tavola rotonda sul tema “I diritti delle donne nel Mediterraneo. La nuova Moudawana in Marocco”. A seguire verrà presentato il video documentario “Cherguì”, interamente girato in Marocco e realizzato dall’Associazione Tzichì Onlus. Il Capodanno dei Popoli della Provincia di Lecce è da anni un appuntamento che riunisce le comunità straniere che abitano il Salento, creando momenti artistico-ricreativi e dando spazio ai caratteri delle diverse tradizioni. Il Capodanno dei Popoli è, inoltre, un’ulteriore occasione di avvicinamento al World Social Forum che, per la prima volta, si svolgerà in una città africana, Nairobi, dal 20 al 25 gennaio 2007 e che ha visto la Provincia di Lecce in prima fila nella costituzione di un comitato provinciale formato da comuni, associazioni, sindacati, oltre che all’acquedotto pugliese e dell’autorità di gestione dell’ambito territoriale ottimale delle risorse idriche. La Provincia di Lecce inoltre ha dedicato l’edizione 2006 di Salento Negroamaro, rassegna delle culture migranti, proprio all’Africa ospitando, oltre a musicisti, cineasti, artisti, scrittori africani, anche il sindaco di Nairobi Dick Wathika. “Questa nuova edizione del Capodanno dei Popoli – sottolinea Luigi Calò, assessore alla promozione dell’integrazione e della cultura della pace della Provincia di Lecce – s’inserisce un percorso di inclusione sociale e valorizzazione delle culture che la Provincia di Lecce con decisione sta portando avanti, cercando nel confronto con le comunità di immigrati che vivono nel nostro territorio la condizione di base per costruire un Salento di pace”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!