Ato Puglia. Incontri per il Piano d’ambito

Domani l’appuntamento a Lecce

Un ciclo di riunioni organizzate dall’Autorità di ambito territoriale ottimale vedrà interessate, di volta in volta, le amministrazioni provinciali pugliesi per la rimodulazione del Piano vigente. Nella convinzione che il coinvolgimento dei sindaci sia il punto di partenza per la pianificazione del territorio

L’Autorità di ambito territoriale ottimale per la gestione del servizio idrico integrato (Ato) della Puglia ha indetto una serie di incontri con i sindaci in merito alla rimodulazione del Piano d’ambito vigente, perchè le stesse amministrazioni locali possano direttamente manifestare le proprie esigenze in merito. L’attuale Piano d’ambito, infatti, elaborato dalla Sogesid per conto della Regione Puglia e adottato nel settembre 2002 dal commissario delegato per l’Esea, è stato redatto senza un confronto e coinvolgimento delle istituzioni locali. “Nell’ottica di una programmazione quanto più possibile concertata e partecipata, ritengo indispensabile prevedere un ciclo di riunioni, con il coinvolgimento dei Comuni e delle amministrazioni provinciali – ha invece dichiarato Antonio Lia, presidente dell’Ato Puglia, che sottolinea a necessità di coinvolgere direttamente i sindaci nella rimodulazione del Piano -; questi incontri devono servire a presentare esigenze differenti o aggiuntive, inerenti il servizio idrico integrato, rispetto a quelle individuate nel Piano d’ambito attualmente in vigore”. Per facilitare il lavoro ed ottimizzare i tempi delle riunioni, sono stati scelti date e orari differenti per Provincia. Gli incontri si svolgeranno presso le province di appartenenza. L’incontro di Lecce è previsto per le ore 10.30 di domani nella sala consiliare della provincia.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!