Poli: “Manifestazione elettorale e di parte”

La FIGC, con la Provincia di Lecce, presenta il progetto di un centro sportivo ai Salesiani, ma non invita il sindaco Poli Bortone

Adriana Poli Bortone, sindaco di Lecce, afferma di non essere stata consultata relativamente al protocollo d’intesa tra Provincia di Lecce e FIGC, in merito all’eventuale costruzione di un centro sportivo in zona “Salesiani”

Adriana Poli Bortone, primo cittadino di Lecce, ha inviato oggi una lettera a Manlio Incardona, presidente del Comitato regionale della FIGC (settore giovanile e scolastico) ed a Luca Pancalli, commissario straordinario della FIGC, con la quale sottolinea l’inopportunità delle iniziative intraprese nell’ambito di un protocollo d’intesa tra provincia di Lecce ed il Comitato regionale della Federazione Italiana Gioco Calcio (settore giovanile e scolastico), in particolare della eventuale costruzione di un centro sportivo in zona “Salesiani”. Peraltro, al sopralluogo di questa mattina ed alla successiva presentazione delle relative iniziative presso il cineteatro “Don Bosco”, oltre alla legittima presenza dei rappresentanti istituzionali di Regione Puglia, Provincia di Lecce e FIGC, è stata registrata quella di Antonio Rotundo, candidato sindaco di Lecce per l’Unione. “E’ singolare – scrive il primo cittadino di Lecce agli organi federali – che delle iniziative siano assunte senza invitare il Sindaco della città, che, peraltro, dovrebbe essere preventivamente messo a conoscenza di eventuali interventi di carattere urbanistico. La manifestazione è di carattere prettamente elettorale e di parte, non giova certamente alla immagine della FIGC regionale e nazionale. Tanto rilevo – conclude il sindaco Poli Bortone nella missiva – per la inopportunità della iniziativa stessa, velleitaria ed utopistica, in assenza del concerto con l’amministrazione comunale di Lecce”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!