Arrivano i Magi nel presepe di Sanarica

Il presepe vivente resterà aperto fino al 7 gennaio

Il presepe vivente di Sanarica ha ormai 19 anni. Quest’anno si snoda su un percorso di 15 tappe sulla dolina carsica. E il 6 gennaio si prepara all’arrivo dei Magi, nella caratteristica processione per le vie della città

Partirà alle ore 16.30 dall’oratorio parrocchiale di Sanarica, la suggestiva sfilata dei Re Magi che raggiungerà la dolina carsica dove si trova il caratteristico presepe vivente, giunto alla sua diciannovesima edizione. Questo, visitabile anche domenica 7 gennaio (dalle ore 17 alle 20.30) sarà animato da circa 100 comparse. Realizzato da un gruppo di giovani con il patrocinio del Comune, il presepe è ubicato nella parte inferiore di una plurimillenaria dolina carsica naturale, in cui si trova la grotta della nascita, in località Sant’Angelo (Strada provinciale Sanarica – Botrugno), a 500 metri dal paese, potendo avvalersi di uno scenario mistico, già ammirato, nelle serate precedenti, da circa 30mila persone. Sono circa 15 le tappe del presepe, con pastori, fabbri, lavandaie, calzolai, pastai, filatrici, soldati romani, contadini e artigiani che riportano alla memoria gli antichi mestieri; di recente installazione è un frantoio dell'epoca. Inoltre, lungo ilpercorso del presepe verranno offerte le tradizionali “pittule” calde, taralli e del buon vino rosso.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!