La Befana vien di notte. Anche al Fazzi

La Guardia di finanza si impegna per i bambini ricoverati presso l’ospedale di Lecce

Partecipaerà anche il gruppo clowns dell’azione cattolica di Casarano, il prossimo 6 gennaio, all'iniziativa delle fiamme gialle presso il nosocomio di Lecce. Obiettivo: donare un sorriso ai bambini costretti nella stanza di un ospedale, attraverso la distribuzione di una calza della Befana

Per i piccoli ricoverati del reparto pediatrico dell'ospedale “Vito Fazzi” di Lecce, quest’anno la Befana si presenterà con l’inconfondibile uniforme verde della Guardia di Finanza. Nell'ambito delle iniziative di solidarietà sociale realizzate dal Consiglio di Base della Rappresentanza Militare della Guardia di Finanza, infatti, le fiamme gialle hanno promosso l’iniziativa benefica di donare una calza della Befana per ogni bambino ricoverato. All’evento, che si terrà presso il nosocomio leccese il giorno dell’Epifania, saranno presenti, insieme allo staff medico e paramedico e ai militari del corpo, il gruppo clowns dei ragazzi e degli educatori dell’azione cattolica della parrocchia San Domenico di Casarano, da anni impegnato nel sociale sotto la guida del parroco Antonio Schito, che animerà l'incontro, nell'auspicio che il sorriso dei piccoli pazienti, in stato di disagio o di sofferenza per la degenza ospedaliera durante il periodo delle festività natalizie, possa essere alleviato da un momento di gioia e divertimento. I delegati Antonio Paccarisi, Tommaso Paradiso, Giovanni Napolitano, Carmelo Potenza e Ippazio De Matteis, che hanno curato l’iniziativa, rivolgono un ringraziamento al comandante regionale Luciano Inguaggiato “per aver recepito ed autorizzato l’iniziativa che, grazie alla grande partecipazione dei militari, permetterà la distribuzione dei doni in tutti i reparti pediatrici dei capoluoghi di provincia della regione”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!