“40mila euro. O niente più pace”

Telefonate di richiesta di “pizzo”. E una bomba esplosa il 20 giugno scorso ai danni di un’azienda di Collepasso

In manette Dario Traversa, 23 anni, di Ruffano. Accusato di tentata estorsione, porto abusivo di polvere da sparo e danneggiamento. Ad incastrarlo le telefonate effettuate da dodici cabine telefoniche al titolare della “Tecneco” di Collepasso

Solo 23 anni e una condotta da malvivente consumato. Finisce in manette Dario Traversa, di Ruffano, con l’accusa di tentata estorsione, nonché porto abusivo di polvere da sparo e danneggiamento. Sarebbe stato lui a chiedere al titolare della “Tecneco filtri” di Collepasso un “pizzo” di 40mila euro. Ma ieri mattina i carabinieri del Nucleo operativo radiomobile della Compagnia di Casarano, con i colleghi della stazione di Ruffano hanno posto la parola fine alle continue minacce subite dall’imprenditore, eseguendo l’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di Traversa. Ad incastrare l’indagato sono stati soprattutto i controlli eseguiti sulle dodici cabine telefoniche impiegate per fare le chiamate verso l’azienda di Collepasso. Ma l’attività di estorsione del giovane ruffanese non si è fermata alle minacce verbali avanzate tramite telefono. Lo scorso 20 giugno, infatti, una bomba esplose proprio di fronte alla “Tecneco” danneggiando le vetrate, la struttura metallica dell’ingresso e le pareti anteriori. All’esplosione seguì la telefonata di richiesta di soldi. 40mila euro. Mai pagati dal titolare che da subito si è messo in contatto con le forze dell’ordine. Toccherà ad Alfredo Cardigliano difendere l’imputato.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!