L'individualismo moderno

La malattia più comune del nostro secolo

La malattia più comune del nostro secolo non è il tumore, ma quel dannato individualismo moderno, figlio del capitalismo, che ci porta a dire “se sto bene io, stanno bene tutti”. L'individuo prima di tutto: prima della società e della politica delle quali importa poco e niente tranne che quando c'è da criticare, perchè “tutto va male, ma non saprei cosa cambiare”. E' lo stesso processo che ha portato al culto dello stordimento e delle discoteche, i luoghi in cui per pochi istanti, attraverso la musica, l'alcool e le droghe, riesco ad anare la mia originale individualità e la parcezione delle individualità degli altri a vantaggio di una confusa visione del branco. Così la vita si vive istante per istante, senza progetti o aspettative, ma solo con una gran voglia di vedere quel che verrà dopo. Il mio invito, che è anche un augurio per il nuovo anno, è quello di recuperare ogni forma di associazionismo, affinchè la gente torni ad incontrarsi per un'idea comune, per la voglia di costruire assieme un qualcosa e non per un bisogno di anamento.

“è il mio cuore che batte, è un ritmo che non comprendo. Come trovarsi in mezzo al cielo: senza ali per volare, senza aria da respirare. è come cadere in fondo al mare forse è come morire. e la gioia sarà svegliarsi di nuovo domani senza certezze, senza speranze, solo col mondo che ti viene incontro senza neanche un bastone con cui combattere. Solo tu e l'eternità.” Solo Perchè solo? Non siamo mai soli. Solo morendo siamo, o meglio, torniamo soli. E' la qualità della compagnia il problema. (Guido Picchi)

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!